Ferrari, «Orgoglioso di essere alla Sampdoria. E sogno il Mondiale…»

ferrari
© foto www.imagephotoagency.it

Il nuovo acquisto della Sampdoria, il difensore Gian Marco Ferrari, spiega com’è nato il suo passaggio in blucerchiato e svela i suoi obiettivi personali

Gian Marco Ferrari, difensore della Sampdoria, ha parlato in un’intervista a Il Secolo XIX di come sia nata la trattativa di mercato che lo ha portato a vestire blucerchiato: «La Sampdoria è un orgoglio e una responsabilità. Io sentivo le voci del mercato e ci speravo perché come tutti voglio solo giocare e sapevo che al Sassuolo l’avrei fatto con più difficoltà in quanto c’erano tanti difensori. Così d’accordo con il mio agente e col Sassuolo quando c’è stata la possibilità Samp abbiamo capito che era la chance da non farsi sfuggire».

I neroverdi lo hanno dato alla Sampdoria in prestito, con un diritto di riscatto molto alto fissato a 13 milioni: la conferma che a Sassuolo hanno capito che l’ex Crotone potrebbe esplodere da un momento all’altro. Cosa ne pensa di questa valutazione il diretto interessato? «Non ci penso, se lo facessi andrei in campo con l’ansia, le cifre del calcio sono alte ma non le facciamo noi giocatori le fa il movimento, il mercato. È vero però che fa specie sentir parlare di così tanti soldi per un difensore, noi in genere valiamo meno (sorride, ndr)».

Un pensiero, quasi fisso, Gian Marco Ferrari però ce l’ha e non lo nasconde, è il Mondiale: «Chiaro che ci pensonon posso non pensarci ma affinché non sia un pensiero irrealizzabile, come dicevo, devo giocare e per farlo impegnarmi al massimo ogni giorno».