Galliani: «Niang e Locatelli hanno cambiato il Milan»

© foto www.imagephotoagency.it

Secondo Adriano Galliani il Milan ha fatto una vera e propria impresa nel battere il Sassuolo, per di più schierando una squadra ricca di giovani

Adriano Galliani non vuole parlare del Milan in mano ai cinesi ma di Milan – Sassuolo parla eccome. L’amministratore delegato del Diavolo ha analizzato il rocambolesco successo di ieri ai microfoni della tv ufficiale rossonera: «Questa sera ho visto tre partite in una, tre segmenti di un match molto diversi tra di loro. Il gol che abbiamo preso quando eravamo in vantaggio ha fatto sì che fossimo impotenti e abbiamo desistito di fronte agli attacchi dei neroverdi. Ho temuto il peggio sul 1-3».

L’OTTICA DI GALLIANI – Sempre Galliani ha parlato dei cambi effettuati da Montella per vincere la partita: «Credo che l’ingresso di Niang abbia cambiato la partita perché ha dato forza e accelerazioni, l’ingresso di Locatelli ci ha fatto bene. In Primavera Locatelli aveva fatto già qualche gol in questo modo, ma uno così bello come primo gol in Serie A è un sogno».

I GIOVANI DEL MILAN – Infine Galliani ha detto: «Paletta è forte, all’Atalanta è cresciuto molto così come Suso e Niang sono migliorati andando in prestito. Niang ha ventun anni, Suso 22, Locatelli è del ’98, Donnarumma è minorenne. Abbiamo tanti giocatori giovani, in Serie A non c’è nessuno che ha l’età media bassa come la nostra. La vittoria con il Sassuolo la definisco proprio come un’impresa».