Gandini su Nainggolan: «Rinnovo? Siamo positivi»

nainggolan
© foto www.imagephotoagency.it

L’ad della Roma, Umberto Gandini, ha parlato a Radio 24 del rinnovo di contratto di Radja Nainggolan. Ecco a che punto è la trattativa e quali sono le sensazioni della società.

Roma in apprensione per Radja Nainggolan: gli ultimi segnali lanciati dal “ninja” non erano stati incoraggianti per il tifo giallorosso. La patata bollente del rinnovo di contratto del belga era diventata addirittura incandescente, con l’ex Cagliari descritto come deluso dal mercato della Roma e in procinto di accettare la corte dell’Inter di Spalletti. Le ultime dichiarazioni dell’ad giallorosso, Umberto Gandini, riaccendono però la speranza del popolo romanista. Intervenuto a Radio 24, Gandini è apparso ottimista sulla possibilità di trovare una soluzione positiva alla trattativa:«Il dialogo è apertissimo. Lui è un giocatore della Roma, ha contratto pluriennale. Siamo positivi nella costruzione della squadra con Radja presente».

Nel corso dell’intervista rilasciata all’emittente radiofonica, Gandini ha toccato anche altri argomenti, a partire dalla tourneé americana della RomaOrmai sono anni che i grandi club preparano la stagione altrove, con impianti di alto livello e in aree dove il calcio sta crescendo. Sono anni che i grandi club con la ICC stiano intraprendendo dei percorsi comuni. La città di Roma, il nome, ci impone di andare in giro per il mondo a portare il nostro vessillo. Abbiamo poi la proprietà americana che ci dà molte facilitazioni quando veniamo qui. Per esempio ora stiamo lavorando in una struttura di altissimo livello come Harvard». Visto il passato rossonero, Gandini non ha poi potuto esimersi dal commentare il nuovo corso cinese del MilanIl cambio di proprietà è stata una cesoia netta per me, rispetto al passato. Il mercato sta riportando nel campionato italiano una grande squadra come il Milan. Il campionato sarà ancora più interessante. La Serie A e la Premier sono forse gli unici campionati dove si alternano almeno 4 squadre per essere competitive».