Genoa, club indagato per l’acquisto di Brlek: «Assegni scoperti per 800 mila euro»

© foto www.imagephotoagency.it

Genoa indagato per l’acquisto di Brlek, ma l’AD Alessandro Zampano è sereno: «Quello che dovevamo fare l’abbiamo fatto»

Petar Brlek è un calciatore del Genoa, ma attualmente è prestito al Lugano dove però non ha ancora esordito in campionato in questa stagione. In Serie A ha fatto solo 5 comparizioni tra il 2017 e il gennaio del 2018, ma non ha totalmente convinto la dirigenza rossoblù che ha deciso infatti di cederlo in prestito. 

Ma oggi, si è nuovamente iniziato a parlare di lui. Per quale motivo? Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera e da Tuttosport, il centrocampista croato sarebbe al centro di un’inchiesta aperta da dal Wisla Cracovia, squadra che milita nel campionato polacco e nella quale giocava prima di esser acquistato dal Genoa. In Polonia sarebbe stata avviata un’inchiesta da parte di un magistrato polacco che ha aperto un fascicolo sul passaggio del 24enne croato al Genoa nell’estate del 2017. L’accusa nei confronti del club di Preziosi è di frode sportiva in quanto ci sarebbero degli assegni scoperti per 800mila euro. 

Tuttavia, l’amministratore delegato del Genoa, Alessandro Zampano è abbastanza tranquillo al riguardo e, alla Repubblica, ha dichiarato: «Con il Wisla nessuna pendenza, tutto quello che dovevamo pagare l’abbiamo pagato».