Zampano: «Pago un conto troppo salato»

zampano pescara
© foto www.imagephotoagency.it

Zampano, terzino destro del Pescara, ha parlato dopo la squalifica di due giornate comminata dal Giudice Sportivo grazie alla prova tv

Zampano torna a parlare dopo i due turni di squalifica rimediati a causa del fallo di mano sulla linea di porta non visto dall’arbitro in occasione della gara tra Genoa e Pescara. Queste le parole del difensore su Facebook: «Da un lato la mia città con i miei affetti i miei amici la mia famiglia, dall’altro la squadra che ha creduto in me, per cui gioco e per la quale do tutto me stesso. Una partita che doveva essere un incontro di emozioni invece si sta trasformando in un incubo per via di una polemica che forse è più grande del gesto stesso. Due turni di squalifica, e tanta gente che prende un’azione di gioco come il pretesto per urlare al complotto e polemizzare per un risultato non arrivato, e altrettanta( anche di una certa età )che mi etichetta e insulta gratuitamente su un episodio calcistico involontario».

IL COMMENTO – Prosegue Zampano: «Un gesto involontario, peraltro mai negato, dove neppure i giocatori in campo si sono resi conto o hanno protestato comprendendone l’involontarietà. Ribadisco che il pallone ha picchiato sulla mano dopo che ha sbattuto sulla coscia a una velocità di gioco elevata e a distanza ravvicinata che non mi ha permesso di capire quanto accaduto. Oggi vogliono tutti ricordare solo questo e lasciare a me tutto il conto da pagare, un conto “forse” troppo grande e una pena “forse” troppo severa ..Detto ciò FORZA PESCARA».