Gonzalo Rodriguez: «Rinnovo? Non ne abbiamo parlato»

gonzalo rodriguez fiorentina
© foto www.imagephotoagency.it

Gonzalo Rodriguez, difensore centrale della Fiorentina, ha parlato del suo futuro, del suo momento, dei rigori e dei rigosti, e di molto altro ancora

Gonzalo Rodriguez è arrivato a Firenze nel 2012 ed è pronto a prolungare il contratto con il club viola ma al momento, come ammesso dallo stesso giocatore a “Radio Bruno Toscana“, non ha ancora ricevuto alcuna chiamata dalla dirigenza della Fiorentina. Il difensore ha parlato anche delle sue condizioni e di molto altro ancora: «Sono tornato a lavorare con il gruppo dalla scorsa settimana, sto bene. Il problema a Torino è stato che anche Astori non era al meglio e allora il mister ha scelto di rischiarne solo uno. Rinnovo? Non ne abbiamo ancora parlato. Il mio procuratore sarà in Italia a novembre, vediamo. Di sicuro il mio agente parlerà con la Fiorentina e poi decideremo cosa fare».

I RIGORI E IL MOMENTO VIOLA – Prosegue Gonzalo Rodriguez: «Rigorista? Ilicic è il più bravo. Credo che a tirare i rigori debbano essere gli attaccanti perché loro hanno bisogno di far gol. A me piace segnare qui ne ho fatti tanti e voglio raggiungere Passarella. Ogni anno non è uguale al precedente ma spero di farne altri. Noi non stiamo giocando male. Con il Milan meritavamo di vincere, loro sono venuti qui a difendersi, con il Torino abbiamo avuto diverse occasioni mentre loro hanno tirato in porta due volte trovando per due volte il gol. Dobbiamo rimanere tranquilli, abbiamo avuto un calendario difficile e non sono preoccupato. Zarate? E’ un fenomeno. Non ha attraversato un buon momento, quando eravamo a Moena si è fatto 14 ore di aereo per stare un giorno con la sua famiglia. Noi cerchiamo di stargli vicino, lo vediamo che si impegna al massimo in allenamento. Salcedo? Si sta inserendo bene, è un bravo ragazzo e un forte difensore. Nazionale? Non credo sia una questione tattica, sono scelte dell’allenatore e le rispetto».