Connettiti con noi

2013

Inter, Cambiasso: «Occorre pazienza»

Pubblicato

su

INTER CAMBIASSO THOHIR PALACIO MONDIALE – Esteban Cambiasso è stato protagonista di una lunga e interessante intervista, rilasciata per i colleghi del quotidiano argentino Olè. Il centrocampista dell’Inter, uno dei pilastri della formazione nerazzurra, ha fatto capire che i tanti cambiamenti avvenuti negli ultimi mesi in seno al club rendono necessario un atteggiamento più paziente nei confronti della nuova Inter che sta venendo fuori, grazie al lavoro di Walter Mazzarri.

CALMA E SANGUE FREDDO – «Ci sono stati molti cambiamenti – ha esordito Cambiasso – . Nel 2010 abbiamo toccato il punto più alto, quello che si sognava da sempre, anche molto prima che arrivassimo noi. Oggi c’è un processo di rinnovo. La maggior parte dei giocatori che hanno vinto 15 titoli negli ultimi sei o sette anni sono andati via. Ora ci sono molti compagni nuovi che hanno gran potenziale, ma bisogna avere pazienza. Ci sono stati molti cambiamenti. Nel 2010 abbiamo toccato il punto più alto, quello che si sognava da sempre, anche molto prima che arrivassimo noi. Oggi c’è un processo di rinnovo. La maggior parte dei giocatori che hanno vinto 15 titoli negli ultimi sei o sette anni sono andati via. Ora ci sono molti compagni nuovi che hanno gran potenziale, ma bisogna avere pazienza».

IL CONTRATTO – Con Cambiasso si è parlato anche di futuro, visto che il contratto che lega l’Inter al Cuchu scadrà a fine stagione: «Arriva un momento nella tua carriera in cui bisogna vivere giorno dopo giorno. Sono felice che a fine stagione saranno dieci gli anni trascorsi nell’Inter, dove ho raggiunto tante vittorie e avuto molte più soddisfazioni rispetto a quante ne avessi mai immaginato. Per me oggi è difficile pensare al futuro, così come è difficile non vedermi nell’Inter. Credo che per chiunque sia difficile vedermi fuori da questo club. Però è il calcio e non si sa mai cosa può accadere…»

IL CAMPIONATOCambiasso chiude parlando dell’andamento del campionato, designando le favorite per lo scudetto: «Penso che la Juventus stia mantenendo una regolarità che ha già dimostrato in questi anni, e anche quest’anno sta continuando ad andare molto forte. Anche la Roma sta avendo un passo difficile da sostenere, rispetto a quanto ha fatto nelle passate stagioni. Oggi l’obiettivo dell’Inter è quello di tornare a giocare nelle coppe europee, quelle che per la prima volta non abbiamo disputato dopo ben quattordici anni».

News

video