Inter: la app di Luis Figo per scoprire il nuovo Messi

figo
© foto www.imagephotoagency.it

Inter: caccia ai talenti tramite l’app di Luis Figo. Come cercare nuovi calciatori con un semplice video fatto con lo smartphone

L’Inter ha sempre sognato di avere in rosa Leo Messi, la star dell’Argentina e del Barcellona, come riconobbe tempo addietro l’ex vicepresidente del club blaugrana Joan Laporta, dichiarando che i nerazzurri erano pronti a pagare la clausola rescissoria di 150 milioni di euro nel lontano 2006, quando la “Pulce” erano appena 18enne ed aveva già vinto la sua prima Champions League. Ma siccome il tempo passa ed i sogni si cancellano la dirigenza nerazzurra ha chiesto “aiuto al suo ex giocatore Luis Figo per scovare il nuovo talento che possa prendere le redini in campo della squadra mediante l’app di scouting Dream Football.

Con il supporto del portoghese, oggi rappresentante di Inter Forever, il club di Suning confida di creare una piattaforma di scouting globale con il progetto Dream Football; in questa maniera l’obbiettivo è di fornire a tanti giovani calciatori di potersi mettere in mostra di fronte ai tecnici, per sognare di indossare la divisa a strisce nerazzurre a San Siro. Il procedimento tecnico è molto semplice. Dopo aver scaricato l’app freeware Dream Football per smartphone, ciascuno potrà filmare, editare e caricare il proprio video per dimostrare il proprio talento o quello del figlio, nel caso sia un genitore ad operare “dietro” la camera. Nei mesi di gennaio e febbraio, l’Inter, attraverso i suoi tecnici, valuterà i 5 migliori talenti spulciando fra tutti i video caricati sulla piattaforma di Dream Football, che si guadagneranno la possibilità di effettuare un provino per il prestigioso club. I vincitori riceveranno la comunicazione nel marzo prossimo, avendo così la possibilità di calcare i campi in occasione del periodo pasquale di fronte ai tecnici del settore giovanile.

Il processo, come gli organizzatori ci tengono a precisare, verrà svolto nel pieno rispetto delle direttive FIFA, con una divisione geografica onde permettere ai più giovani atleti di prendere parte, ovvero 2 posti disponibili per ragazzi di età compresa fra 6 e 12 anni della Lombardia; 2 per i più grandicelli, nella fascia 13-15 riservata alle altre regioni italiane. Infine ci sarà anche un posto per un atleta di 16 anni compiuti almeno, che arriva dall’Europa o maggiorenne se invece la sua provenienza fosse extra-europea. Il regolamento in materia è infatti molto rigido, tanto che il massimo organismo calcistico mondiale, la FIFA, ha sanzionato negli anni passati Top Teams come Barcellona e Real Madrid per aver operato contro la normativa.

Attualmente Luis Figo ricopre un’incarico di prestigio presso l’UEFA come football advisor: collabora direttamente con il numero uno del massimo organismo europeo, lo sloveno Aleksander Čeferin, occupandosi di aspetti tecnici, regolamento e attrattiva generale. E’ inoltre ambasciatore UEFA assieme al suo ex compagno Dejan Stankovic.