Connettiti con noi

Coppa Italia

Juventus-Milan, finale Coppa Italia 4-0: pagelle e tabellino

Pubblicato

su

Juventus-Milan, finale Coppa Italia 2017/2018: cronaca in diretta live con formazioni ufficiali, risultato, pagelle, tabellino e sintesi

Finisce come difficilmente ci si poteva aspettare, con un netto 4˗0 che consegna la 4° Coppa nazionale consecutiva alla Juventus. I bianconeri si rendono protagonisti di un nuovo record, dopo quello della scorsa stagione: nessuna squadra, infatti, era riuscita, finora, a conquistare più di due trofei nazionali consecutivamente. Il Milan, dopo una prestazione sostanzialmente equilibrata nella prima frazione, cede alla prima difficoltà e permette agli uomini di Allegri di dilagare. Vanificata la possibilità di conquistare l’accesso diretto alla fase a gironi, resta comunque la qualificazione alla prossima Europa League, previo passaggio dei preliminari.

Juventus-Milan 4-0: tabellino

Marcatori: 12′ st, 19′ st Benatia, 16′ st Douglas Costa, 31′ (aut) Kalinic

JUVENTUS (4-3-3): Buffon 6.5; Cuadrado 6, Barzagli 6, Benatia 7.5, Asamoah 6; Khedira 6, Pjanic 6.5 (42′ st, Marchisio ng), Matuidi 6.5; Douglas Costa 7.5 (27′ st Bernardeschi 6), Mandzukic 6, Dybala 7 (38′ st, Higuain ng). A disposizione: Pinsoglio, Szczesny, De Sciglio, Howedes, Alex Sandro, Rugani, Lichtsteiner, Sturaro, Bentancur. Allenatore: Massimiliano Allegri.

MILAN (4-3-3): G. Donnarumma 4; Calabria 5, Bonucci 5.5, Romagnoli 5, Rodriguez 5; Kessié 6, Locatelli 5 (35′ st, Montolivo ng), Bonaventura 6; Suso 6 (28′ st Borini 5.5), Cutrone 5.5 (17′ st, Kalinic 5), Calhanoglu 6. A disposizione: A. Donnarumma, Storari, Abate, Antonelli, Musacchio, Zapata, Biglia, Mauri, André Silva. Allenatore: Gennaro Gattuso.

Arbitro: Antonio Damato

Note: Ammonizioni: Douglas Costa (J), Calabria (M)

MIGLIORE IN CAMPO ˗ JUVENTUS

Benatia 7.5: nonostante la partita straordinaria di Dybala, quella molto propositiva di Douglas Costa e quella salvifica di Buffon, il marocchino merita la palma di migliore in campo per i pronti e lesti inserimenti in occasione del primo e del terzo gol che hanno aperto e ammazzato gli avversari

PEGGIORE IN CAMPO ˗ JUVENTUS

Mandzukic 6: forse non ancora pienamente in forma, prova a far avanzare la sua squadra, mantenendo un buon possesso palla, ma si vede che non è pienamente in forma: manca il solito pressing asfissiante e non è preciso sotto porta

MIGLIORE IN CAMPO ˗ MILAN

Suso 6: nella serata storta della sua squadra, nel primo tempo prova a mettere in mostra il suo talento con qualche buona iniziativa ma, nel complesso, è ben al di sotto delle sue potenzialità

PEGGIORE IN CAMPO ˗ MILAN

Donnarumma 4: rovina la buona prestazione della prima frazione con una papera clamorosa e due/tre errori di valutazione sugli altri gol. Un calo tanto improvviso quanto inaspettato che, purtroppo, impedisce al Milan di conquistare la qualificazione diretta

Juventus-Milan: diretta live e sintesi

45′ – Finisce qui la 71′ finale di Coppa Italia: è 4-0 per la Juventus

45’ ˗ Al minuto 31’ il Milan va vicina a ridurre il pesante svantaggio su una buona iniziativa del neoentrato Kalinic ma Matuidi devia, quasi casualmente, sul palo e salva i suoi. La Juventus prende il via e dilaga, sfruttando uno sfortunato autogol di Kalinic che di testa spiazza il suo portiere. Al 32’ Buffon si supera dimostrando di essere più che mai in partita, salvando la sua squadra prima sul tiro di Locatelli, poi su quello ravvicinato di Calhanoglu. Dybala prova a sorprendere Donnarumma dalla lunghissima distanza ma il suo tentativo di pallonetto finisce di poco alto sopra la traversa. Kessié ci prova ancora, dopo un abile dribbling, ma il suo tiro, come quello precedente dell’argentino è mal calibrato e finisce alto sopra la traversa. Al 38’ st viene sostituito Dybala, autore di una prestazione importante. Al 42’ Allegri effettua l’ultima sostituzione a sua disposizione: entra Marchisio, esce Pjanic. Finisce scienza recupero il match tra Juventus e Milan: 4˗0 e i bianconeri alzano la sua quarta coppa

31′ – GOL JUVENTUS!!!!! La formazione di Allegri cala il poker sfruttando un autogol di Kalinic, sempre sugli sviluppi di un calcio d’angolo

30’ ˗ Al quarto d’ora ancora il solito Dybala, dopo essersi liberato della doppia marcatura di Romagnoli e Locatelli, costringe Donnarumma a un intervento decisivo. In un quarto d’ora la squadra di Allegri dilaga con tre gol repentini, prima di Benatia, poi di Douglas Costa e poi ancora di Benatia, sempre sugli sviluppi di calcio d’angolo

19’ ˗ GOL JUVENTUS!!!!! Ancora sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Mandzukic colpisce di testa in tuffo. Donnarumma para ma il pallone gli sfugge di mano in area di rigore e Benatia, lestissimo, colpisce e insacca

16’ ˗ GOL JUVENTUS!!!!! La formazione di Allegri raddoppia con Douglas Costa: un tiro apparentemente non insidioso e neanche troppo violento mette in difficoltà Donnarumma che prova a deviare in corner, insaccando, però, nella sua stessa porta

12′ – GOL JUVENTUS!!!!! Sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Benatia si libera ottimamente della marcatura pressante di Romagnoli e di testa, in torsione, riesce a indirizzarla sotto l’incrocio alla sinistra di Donnarumma

Juventus-Milan: formazioni ufficiali

Ecco le formazioni ufficiali. Un solo cambio, seppur clamoroso, per Allegri che sceglie di far partire dal primo minuto Mario Mandzukic, come prima punta del suo tridente, lasciando in panchina Gonzalo Higuain. Tutto confermato, rispetto alle previsioni, per la formazione rossonera guidata da Gattuso

JUVENTUS (4-3-3): Buffon; Cuadrado, Benatia, Barzagli, Asamoah; Khedira, Pjanic, Matuidi; Douglas Costa, Mandzukic, Dybala. Allenatore: Allegri.

MILAN (4-3-3): Donnarumma G.; Calabria, Bonucci, Romagnoli, Rodriguez; Kessié, Locatelli, Bonaventura; Suso, Cutrone, Chalanoglu. Allenatore: Gattuso.

Juventus-Milan: probabili formazioni e pre-partita

Giunti pressoché al termine di una stagione tra luci e ombre (per il Milan) e molto positiva per la Juventus (nonostante l’uscita anticipata dalla Champions League), le due formazioni sono pronte a darsi battaglia per conquistare un trofeo stagionale che, soprattutto per i rossoneri, potrebbe voler dire molto. Una vittoria sui bianconeri, infatti, regalerebbe alla squadra di Gattuso la qualificazione diretta alla fase a gironi dell’Europa League, evitandosi il greve disturbo di dover anticipare la preparazione della nuova stagione già ai primi di luglio. Per l’occasione, Gattuso può tirare un sospiro di sollievo in merito alle condizioni di Suso, uscito anzitempo contro il Verona. In avanti, Cutrone dovrebbe partire titolare, al posto di Kalinic mentre Locatelli sostituirà, ancora una volta, l’infortunato Biglia. Per il resto, giocheranno gli stessi undici.

Per quanto riguarda i “padroni di casa”, desiderosi di battere il loro stesso record di tre vittorie consecutive in finale, Allegri nutre un solo forte dubbio, in avanti: dopo il brutto pestone rimediato da Vecino, Mandzukic è tornato ad allenarsi in gruppo ma non è detto che sia già in grado di partire dal primo minuto; a contendergli il posto, allora, con una forte chance, ci sarà l’ormai imprescindibile Douglas Costa, decisamente il più in forma dei bianconeri.

JUVENTUS (4-3-3): Buffon; Cuadrado, Barzagli, Benatia, Asamoah; Khedira, Pjanic, Matuidi; Douglas Costa, Higuain, Dybala. A disposizione: Pinsoglio, Szczesny, De Sciglio, Marchisio, Mandzukic, Howedes, Alex Sandro, Rugani, Lichtsteiner, Sturaro, Bentancur, Bernardeschi. Allenatore: Massimiliano Allegri.

MILAN (4-3-3): G. Donnarumma; Calabria, Bonucci, Romagnoli, Rodriguez; Kessié, Locatelli, Bonaventura; Suso, Cutrone, Calhanoglu. A disposizione: A. Donnarumma, Storari, Abate, Antonelli, Musacchio, Zapata, Biglia, Mauri, Montolivo, Borini, Kalinic, André Silva. Allenatore: Gennaro Gattuso.

Juventus-Milan: i precedenti del match

Quella che andrà in scena sul campo neutro dell’Olimpico di Roma tra Juventus e Milan sarà la sfida numero 25 in Coppa Italia, ber un bilancio complessivo di 10 successi bianconeri, 7 pareggi e 7 successi rossoneri. Curiosamente, però sarà anche la finale numero 5 tra queste due compagini. Di queste, 3 sono state vinte dalla Juventus (nei doppi confronti del 1941/1942 e 1989/1990 e la finale unica vinta nel 2015) e una sola dal Milan (stagione 1972/1973). I bianconeri sono imbattuti da 11 match di Coppa Italia contro i rossoneri, di cui 7 successi e 4 pareggi. Negli ultimi 15 confronti, la Vecchia Signora è andata a segna per ben 14 volte. Ben 12 sono i trofei alzati dalla Juventus (e 5 finali perse) mentre sono 5 (e 8 finali perse) quelle alzate dal Milan. Due, infine, sono state le finali di Supercoppa: quella del 2003, vinta dalla Juventus, e quella del 2016, vinta dal Milan.

Juventus-Milan: l’arbitro del match

Sarà Antonio Damato della sezione di Barletta l’arbitro designato dall’AIA per dirigere la finale di Coppa Italia, in programma questa sera alle 21 allo stadio Olimpico di Roma, tra Juventus e Milan. Il direttore di gara pugliese, classe 1972 e avvocato di professione, in questa stagione ha già arbitrato 15 gare in Serie A e una sola partita nella Coppa nazionale, la sfida ai quarti tra Lazio e Fiorentina. Per quanto riguarda le compagini che si affronteranno questa sera, per Damato sarà la 4° sfida, dopo quella del 2010, conclusasi 3˗0 per i rossoneri, e quella del 2015, finita 3˗1 per i bianconeri, entrambe in campionato. In Coppa Italia, inoltre, si tratterà di un vero e proprio esordio di fuoco con i rossoneri, mentre per i detentori in carica ha collezionato 1 vittoria, 1 pareggio e 2 sconfitte. Ma soprattutto, c’è da registrare il precedente della Supercoppa italiana giocata a Doha nel 2016, quando il Milan riuscì a prevalere battendo ai rigori i rossoneri. A coadiuvare Damato nella direzione di gara ci saranno Di Fiore e Dobosz mentre il quarto uomo sarà Guida. Alla postazione VAR siederanno Irrati e Vuoto.

Juventus-Milan Streaming: dove vederla in tv

Juventus-Milan sarà trasmessa a partire dalle ore 21 in diretta in chiaro su Rai 1. Non è tutto, perché la partita sarà visibile anche in streaming per pc, smartphone e tablet su tutti i device iOs, Android e Windows Mobile tramite app RaiPlay e sul sito dedicato.