Juventus, se le norme cambiano può arrivare Dzeko

© foto www.imagephotoagency.it

Eppur si muove. Stamane in Figc Lega di A e Federazione riÃ?­prendono il dialogo interrotto drammaticamente per tutti all’inÃ?­domani dello stop improvviso alla tesserablità  del secondo extracoÃ?­munitario a mercato aperto: il viÃ?­cepresidente Tavecchio ha convoÃ?­cato la riunione della commissione sulla revisione dello statuto e ha annunciato di voler assecondare alcune istanze dei club che voglioÃ?­no maggiore peso e indipendenza in seno al consiglio federale, cerÃ?­cando una struttura associativa più simile a quella della Premier. Ma per tornare a dialogare serve qualcosa in più, uno sforzo comuÃ?­ne. Il territorio, non trattabile seÃ?­condo il Coni e l’ala dura della Figc (Abete in testa), sarebbe quello di una parziale riapertura sul pomo della discordia. Tavecchio aveva proposto in consiglio un via libera (certo complesso) per le trattative in corso sugli extracomunitari: missioni già  effettuate oltremare, preaccordi: qualcosa di dimostraÃ?­bile per i dodici posti extra persi col taglio del 2 luglio. Se ne riparÃ?­la oggi, come ramoscello d’ulivo per riportare la pace. La lacerazioÃ?­ne dei calendari di serie A orbi delÃ?­la presenza del presidente federaÃ?­le (ma non di quella sorridente del presidente Aia, Nicchi, e dell’alleÃ?­natore arbitrale di A, Braschi) è ancora vivissima: non giovano le invasioni di campo dei mediatori politici e dei loro consiglieri e comÃ?­plesso seguire la ricetta Lotito (chiusura da gennaio). Insomma: che la richiesta di riaprire sugli exÃ?­tra arrivi da alcuni uffici di PalazÃ?­zo Chigi o dall’interno di via AlleÃ?­gri è cosa diversa assai (soprattutÃ?­to per il governo dello sport).

CONTRATTI, SI PARLA – StamaÃ?­ne si ritrovano – dopo mesi – allo stesso tavolo Beretta (e Lotito) e le altre componenti. A dire il vero, però, il dialogo è ripreso anche tra Lega e Aic: dalle minacce di sciopeÃ?­ro alle telefonate e le lettere. Sul contratto indigeribile per i calciaÃ?­tori (Ã?«mai come oggi pronti allo sciopero sull’accordo collettivoÃ?») Beretta e Campana si sono inviaÃ?­ti missive ferme ma aperturiste: in attesa che oggi l’Alta Corte del Coni dica se la Figc ha un ruolo tra le parti (e c’è chi spera che riÃ?­sponda proprio di no: almeno queÃ?­sta patata bollente meglio evitarÃ?­la) e se i nuovi moduli (modello Motta, dal contratto siglato dalla Juve col terzino) siano validi e quindi efficaci gli accordi presi. Fiato sospeso per la decisione (asÃ?­sai difficilmente impugnabile) dei professoroni di diritto amminiÃ?­strativo e civile del Coni. Ã?«Fare le barricate per 12 extracomunitari ha senso fino ad un certo punto Ã?­dicono fonti vicine all’Aic -: chiuÃ?­diamo subito ai baby-extracomuÃ?­nitari, facciamo il contratto a due velocita (più libero per i big della A, più protetto per B e Lega Pro, ndr). Via il modulo di Lega e poi si parla di tuttoÃ?». E Beretta può apriÃ?­re sullo slittamento del turno delÃ?­la Befana

Fonte | TuttoSport.com