Mandzukic e Alex Sandro in riserva: anche la Juve ha dei problemi

mandzukic allegri juventus
© foto www.imagephotoagency.it

Anche la Juve ha dei problemi. Mandzukic e Alex Sandro non sono in condizione: ecco le grande di Max Allegri

Non è tutto oro ciò che luccica! Anche la Juventus si riscopre umana e scopre di avere dei problemi. I bianconeri, dopo una incredibile cavalcata, hanno ripreso il primo posto, scavalcando il Napoli ma hanno pareggiato a Ferrara con la Spal, permettendo agli azzurri, grazie all’1-0 sul Genoa, di accorciare le distanze e di portarsi a soli 2 punti di distanza. Le due formazioni hanno il destino nelle loro mani: chi vincerà le prossime 9 partite avrà la garanzia di diventare campione d’Italia (il 22 aprile c’è lo scontro diretto).

Anche la Juve, dicevamo, ha dei problemi. Il club bianconero si è scoperto fragile e la sosta potrebbe servire a ricaricare le batterie in vista del finale di stagione ma gli impegni delle Nazionali non daranno una mano ad Allegri. Due dei meno in forma sono apparsi Alex Sandro e Mandzukic. Il croato ha avuto dei problemi fisici ed è apparso in riserva, il brasiliano sta vivendo una stagione altalenante, con tanti bassi e pochi alti e a Ferrara è stato il giocatore più falloso, ha sprecato diverse azioni d’attacco con delle scelte sbagliate (ha giocato prima da esterno d’attacco e poi da terzino). La sua questione sembra essere prettamente psicologica (pesano anche le voci di mercato?).

Allegri lo ha punzecchiato spesso a inizio stagione e le sue bacchettate sembravano aver dato i frutti sperati nella parte centrale della stagione ma nelle ultime settimane Alex è tornato a latitare. I problemi bianconeri, stavolta di natura fisica, riguardano anche Mario Mandzukic. Il guerriero juventino non ne ha più, ha bisogno di tirare il fiato ma partirà con la sua Croazia alla volta degli Usa per due amichevoli. L’attaccante è a secco da 11 gare fra A e Coppa Italia e nel 2018 ha segnato un solo gol (nel derby di coppa Italia contro il Toro, in campionato non segna dal 17 dicembre). Il problema però sembra essere legato a una scarsa condizione atletica. La Juve ha bisogno di ritrovare in fretta la corsia mancina: il rush finale incombe.