Connettiti con noi

Hanno Detto

Parolo su Inzaghi: «Lui è istinto, ricordate quando a Kiev è caduto per esultare?»

Pubblicato

su

In un’intervista Marco Parolo racconta Simone Inzaghi, sui ex allenatore all’epoca della Lazio e ricorda l’episodio di Kiev

In un’intervista alla Gazzetta dello Sport, Marco Parolo racconta Simone Inzaghi, che lo aveva allenato ai tempi della Lazio. Ecco le sue parole.

LESSI SU LAZIONEWS24 L’INTERVISTA INTEGRALE

ESORDI«Bastava guardarlo in faccia per capire che quelle sette partite erano una questione di vita o di morte. Vive d’istinto, ma quel giorno ce l’aveva scritto in faccia: ‘io sarò l’allenatore della Lazio’. Ricordo la prima a Palermo: 3-0 per noi. Era così contento che non so spiegare. Poi la Fiorentina all’ultimo turno: gara ininfluente, perdiamo 4-2, era l’addio di Klose. Alcuni di noi avevano già la testa all’Europeo. Lui la sentiva come un Mondiale e ci rimase male. Questo per farle capire che tipo è».

IL CARATTERE«Istinto. Lo vedi dalle esultanze o dai gesti. Contro la Juve è lui che sposta Marusic per fargli battere la rimessa in avanti. Da lì il gol di Caicedo. L’esempio più bello è Kiev: de Vrij segna il 2-0, lui scivola sulla pista d’atletica e poi si rialza come se nulla fosse. Inzaghi è questo. Sa capire i momenti dei giocatori».