Roma, il futuro di Alisson è un rebus: ecco tutti i possibili scenari

Iscriviti
alisson
© foto www.imagephotoagency.it

Alisson preoccupa la Roma: “Mercato? Ora non parlo”. Ecco tutte le possibili opzioni per il futuro del portiere brasiliano

La Roma pareggia 0-0 contro la Juventus nell’ultima gara casalinga della stagione che consegna ai bianconeri al 7° scudetto consecutivo e avvicina i giallorossi al 3° posto in campionato, distante ormai solo 1 punto da conquistare la prossima settimana nell’ultima trasferta contro il Sassuolo. Vista la situazione allora è lecito già pensare alla prossima stagione con il mercato che tra qualche settimana entrerà nel vivo e farà capire se l’anno prossimo la Roma potrà ambire a qualcosa di più di un piazzamento in Champions League. Tra i nodi da sciogliere c’è quello legato al futuro di Alisson Becker. Il portiere brasiliano è cresciuto partita dopo partita e il suo nome è finito sul taccuino delle big del calcio europeo pronte a fare follie per strapparlo ai giallorossi. Il diretto interessato da mesi ormai dribbla le domande sul suo futuro e ieri non è stato da meno: “Di mercato ora non parlo”, ha detto nel post partita dell’Olimpico.

Alisson, obiettivo rinnovo

Daniele De Rossi ed Eusebio Di Francesco, da capitano e allenatore, hanno lanciato un messaggio importante alla società: “Il gap con la Juve si colma con un grande mercato”. I ricchi introiti, oltre 100 mln di euro, generati dal percorso in Champions League dovrebbero evitare cessioni dolorose e forzate entro in 30 giungo. Un “grande mercato” in certi casi può passare anche dal trattenere i migliori giocatori della rosa, per questo i giallorossi stanno lavorando al rinnovo di Alisson. Al momento il brasiliano guadagna 1,5 mln di euro con un contratto fino al 2021. La Roma, per scacciare le sirene del mercato, gli avrebbe proposto un ingaggio raddoppiato (3/3,5 mln) con il prolungamento fino al 2022.

Alisson, le sirene del mercato

Questa proposta basterà per respingere l’assalto dei compratori? In un mercato dove non esistono gli incedibili, la Roma pur non volendo cedere fissa comunque il prezzo: a Trigoria si prenderanno in considerazione solo offerte dai 70 milioni in su. Non sono molti i club disposti o in grado di spendere cifre simili per un portiere. Dalla Spagna continuano a rimbalzare le voci di un interessamento del Real Madrid con il presidente Florentino Perez che stravede per il brasiliano. I blancos però avranno da battere la concorrenza del Liverpool che da tempo segue il giocatore. Diverso il discorso legato al Manchester United che si lancerebbe su Alisson qualora dovesse partire De Gea, anche lui in orbita Real Madrid con gli spagnoli che a quel punto si chiamerebbe fuori dalla corsa ad Alisson. In ogni caso la situazione economica attuale dovrebbe permettere alla Roma di evitare un nuovo caso Salah, se decidesse di vendere lo farà soltanto alle sue condizioni. In caso di necessità i giallorossi si stanno già guardando intorno monitorando la situazione di Mattia Perin del Genoa.

Alisson, la terza via

C’è un terzo scenario nel futuro di Alisson che potrebbe rappresentare una via di mezzo in grado di accontentare calciatore e società. Il brasiliano potrebbe firmare il rinnovo con la promessa di poter partire il prossimo anno. In questo modo la Roma si ritroverebbe il suo portiere per tentare l’assalto al campionato senza il rischio di veder scendere il suo valore in sede di mercato, visto che si tratta di un classe ’92 in continua ascesa. Lo stesso calciatore, partendo da uno stipendio raddoppiato, potrebbe chiedere un ingaggio ancora più alto alla sua futura squadra. Le parti si incontreranno nelle prossime settimane, magari prima che il portiere si aggreghi alla nazionale brasiliana per il mondiale di Russia.