Sarri, dai calendari ai fatturati: quante frecciate alla Juve! Allegri: «Non gli sto più dietro»

Iscriviti
sarri napoli
© foto www.imagephotoagency.it

I tormentoni di Maurizio e le frecciate di Allegri. Tra albi e accuse, dai fatturati ai calendari: ecco il Napoli-Juve di Sarri

Il Napoli affronterà questa sera la Juventus e nella sfida nella sfida tra i due tecnici, “Tuttosport” oggi in edicola ha analizzato i ‘tormentoni’ di Maurizio Sarri. Ieri Massimiliano Allegri ha lanciato una chiara frecciata all’allenatore azzurro: «Ormai non gli sto più dietro, perché una volta c’è il campo, una volta c’è una settimana in meno: secondo me è una sua strategia per crearmi della confusione. A noi ogni tanto fa bene allenarci una volta alla settimana,  per riprendere un po’ d’allenamento e per lavorare insieme, ma è bello giocare una volta ogni tre giorni, perché a me piace che la squadra giochi, non che si alleni».

Frecciata importante da parte di Max a Maurizio. Il tecnico inizialmente si è lamentato dei calendari, ‘gufando’ la Juve («Loro avranno un match ininfluente con l’Olympiacos dopo la nostra gara, noi ci giocheremo tutto con il Feyenoord. In Lega sono inadatti perché noi abbiamo giocato con il Manchester City nel mezzo delle sfide con Roma e Inter») mentre la Juve, così come il Napoli, si giocherà il passaggio del turno all’ultima giornata ma in passato si lamentò dei fatturati («chi ha più soldi può comprare la macchina migliore, chi fattura 1 miliardo può acquistare giocatori da 100 milioni, chi fattura 200 milioni può comprare giocatori da 20 milioni»). Infine il campo. Il tecnico, a Udine, si è lamentato del terreno di gioco: «lo stadio è bello, il terreno di gioco è indegno per la categoria». Oggi però si gioca. Si pensa solo a Napoli-Juve.