Serie A, 12^ giornata: Cagliari – Torino, pagelle

© foto www.imagephotoagency.it

SERIE A TORINO CAGLIARI PAGELLE – E’ terminato da pochi minuti l’incontro tra Cagliari e Torino: ecco le pagelle dei protagonisti.

AVRAMOV 7 – Attento su ogni palla che bazzica dalle sue parti, preciso nelle risposte quando chiamato in causa. E non era per nulla semplice, visto che la continuità per un portiere è più che importante. Nulla può sul gol di Ciro Immobile.

PISANO 5,5 – Spinge poco e sbaglia troppi passaggi, alcuni anche elementari.
(dal 30′ st COSSU 6)

ROSSETTINI 5,5 – Quel che di buono fa nella prima frazione di gioco – anticipo decisivo su Immobile – lo rovina ad inizio ripresa: il numero 9 granata è bravo nel controllo in velocità, ma lui si fa bruciare ingenuamente sul tempo.

ASTORI 6,5 – Sicuro in difesa e pericoloso in avanti: il difensore della nazionale è sempre una certezza.

MURRU 5,5 – Non demerita, ma non può nemmeno ‘scamparla’. Quando può, ferma lo scatenato Cerci. Ma in più occasioni il numero 11 granata gli sguscia via, creando pericoli alla porta di Avramov.

DESSENA 5,5 – Tanto lavoro oscuro e poca qualità.

CONTI 7,5 – In un momento così difficile, il Cagliari si aggrappa al suo capitano: gara ordinata in mediana e due perle su calcio piazzato a decidere la partita.

ERIKSSON 6,5 – Partita di sacrificio: spinge poco perché è più occupato ad aiutare Murru in marcatura su Cerci. Ma quando attacca fa male: va vicino al gol con un bolide dai 30 metri.

NAINGGOLAN 5 – La ‘colpa’ dell’insufficienza non è sua: schierato in un ruolo a cui non è abituato, quello di trequartista, fatica ad entrare nel vivo del match. Non mancano lotta e sacrificio per la squadra, ma in quella posizione dovrebbe verticalizzare palloni per i due attaccanti. E lui non è l’uomo adatto per farlo.
(dal 42′ ST CABRERA SV)

SAU 6 – Seppur non propriamente in giornata, riesce comunque a risultare decisivo: con una bella giocata si guadagna la punizione dal limite dell’area da cui nasce il vantaggio firmato Conti.
(dal 35′ ST IBRAIMI SV)

IBARBO 6,5 – Sicuramente il più vivace del reparto offensivo: non ha palle pulite a disposizione, ma riesce a creare dal nulla diversi pericoli per la porta di Padelli.

TORINO

PADELLI 4,5 – La punizione di Conti è tutt’altro che irresistibile: non è aiutato dalla barriera, vero, ma l’errore sul gol è abbastanza evidente. Sulla seconda punizione la traiettoria è ingannevole, ma lui è ancora incerto.

DARMIAN 6 – Partita in pieno controllo sull’out di destra.

BOVO 6 – Concede poco o nulla agli avanti sardi: l’unica occasione è per Sau, che spreca malamente.

MORETTI 6 – Come il compagno di reparto: mai in difficoltà contro la velocità di Ibarbo.

D’AMBROSIO 6,5 – Sta diventando sempre più un leader di questa squadra: personalità e perfezione contro il Cagliari. E se continua a giocare su questi livelli, il Mondiale non è un’utopia…

BRIGHI 6 – Tanta sostanza nella zona mediana del campo.

VIVES 6 – La punizione da cui nasce il vantaggio sardo è causata da un suo fallo insensato su Sau: un errore troppo grave per un giocatore della sua esperienza. Si riscatta nella ripresa, quando recupera palla in mezzo al campo e dà il là al pareggio granata.

BASHA 5 – Un po’ in ombra: impreciso e troppo bloccato a centrocampo.

CERCI 7 – E’ l’uomo in più del Torino e anche i compagni lo sanno: letale nell’uno contro uno, sfiora il gol in più occasioni. L’unica pecca è il contropiede sprecato nella prima frazione di gioco.

IMMOBILE 7 – Attaccante vero: capitalizza alla pefezione una delle rare occasion che gli capitano. Il controllo con cui si libera di Rossettini è da manuale del calcio.

EL KADDOURI 5,5 – L’unica palla buona la gioca per Immobile, poi nient’altro, se non un giallo per un intervento a dir poco eccessivo.