Torino, Coppola: “Sarei venuto anche gratis al Napoli”

© foto www.imagephotoagency.it

Ferdinando Coppola è deluso per il suo mancato trasferimento al Napoli.
L’esperto estremo difensore, al quale i partenopei hanno preferito l’ex leccese Rosati, ha espresso il suo rammarico ai microfoni di Tutto Napoli: “Sapevo che c’era la possibilità  concreta di un mio ritorno a Napoli – ha detto Coppola – . Ci ho creduto fino alla fine. Fino alla sera prima, che il Napoli acquistasse Rosati, ero quasi certo di vestire la maglia azzurra. Tendenzialmente, però, credo che in questo periodo si vogliono allontanare i napoletani da Napoli. Nei giorni della trattativa, ho incontrato Morgan De Sanctis a Sorrento. Parlando con lui ho capito che tra di noi poteva nascere un bel feeling. I portieri, nella squadra formano un gruppo nel gruppo, e il rapporto tra me e lui era di piena sintonia. Potevo dare una mano anche nello spogliatoio, di sicuro mi sarei ambientato bene. Volevo un ritorno nella squadra della mia città  anche per dare stabilità  alla mia famiglia. Faccio il girovago in Italia da dieci anni, e ho sempre cercato di tornare nel Napoli. Quest’ultima sembrava l’occasione giusta, ma non è stato così. Ho sentito dire che io avrei fatto dei problemi per l’ingaggio, ma non è così. Amo Napoli, ci sarei venuto anche gratis, ma come ho detto prima, forse non si vuole dare il Napoli ai napoletani. Sono, contento che, arenata la pista partenopea, sia arrivata subito la chiamata del Torino. Ho accettato la pista granata , perchè è uno dei massimi club italiani, ed ha un progetto ambizioso. Ho avuto modo di conoscere il presidente Cairo, mi è sembrato una persona molto seria. Con la sua gestione, il Torino è stato molto sfortunato, ma il patron, mi ha dato l’impressione di voler costruire un’ottima squadra, per raggiungere la tanto agoniata serie A. Sono molto stimolato da questa nuova avventura, darò, come sempre il massimo, spero soprattutto di essere arrivato nell’anno buono.”