Torino, la ricetta di Cairo: «Misure “cinesi” contro il coronavirus»

Iscriviti
cairo torino
© foto www.imagephotoagency.it

Torino, la ricetta di Cairo per arrestare in contagio in Italia: «Ci vogliono misure “cinesi” contro il coronavirus»

Il calcio con la coda dell’occhio, l’emergenza sanitaria che sta attanagliando l’Italia con lo sguardo ben fisso. «Della situazione del calcio non parlo: è importante per me, ma lo è molto di più l’Italia in questo momento. E mi preme dire che l’emergenza per il coronavirus mi ha convinto che qui ci vogliono misure “cinesi”, molto più dure di quelle prese fino a oggi», le parole rilasciate da Urbano Cairo all’Ansa.

«Ho sentito la conferenza di Brusaferro che onestamente dice di non sapere quando arriverà il picco. Così, se ci si limita a fare una proiezione del raddoppio ogni 4 giorni, in due settimane i malati saranno 50mila e poi 400mila a fine mese: per evitarlo dobbiamo tenere la gente barricata in casa per 2 o 3 settimane», ha dichiarato il presidente granata.