Wilshere via? No, Wenger ha un piano per trattenerlo

© foto www.imagephotoagency.it

Jack Wilshere è finito nel mirino di Milan e Juventus, ma Arsene Wenger è pronto a giocarsi la carta vincente per la sua permanenza

Jack Wilshere è cresciuto nell’academy dell’Arsenal e si è imposto in prima squadra, tanto da indossare anche la maglia della nazionale inglese. Tolte le parentesi, in prestito, col Bolton e col Bournemouth, la carriera del centrocampista creativo è stata sempre caratterizzata dai colori dei gunners. Il suo contratto scade nel giugno del 2018 e Juventus e Milan lo hanno già messo sui loro taccuini per il mercato estivo.

La scelta di Wilshere, se rimanere a Londra o tentare l’esperienza in Serie A, però, non è legata soltanto a variabili economiche, ma anche gerarchiche. Le dichiarazioni del manager Arsene Wenger, a riguardo, a BeIn Sports, lo testimoniano: «Jack ha attitudini da leader, sia parlando tatticamente che nei rapporti all’interno dello spogliatoio. Milita in questo club da anni, quindi ha esperienza e conosce il nostro ambiente. Spero di nominarlo presto capitano». Mossa che potrebbe, dunque, anche rivelarsi decisiva per il futuro di Wilshere, in bilico tra il diventare il nuovo simbolo della squadra in cui si è affermato o uno dei tanti altrove, in un campionato e ambiente inediti per lui. Capitano o mercato, Jack scegli.