Affare Cristiano Ronaldo, Mendes: «Mi disse che voleva la Juventus»

© foto Presentazione Cristiano Ronaldo

Affare Cristiano Ronaldo, parla il procuratore di CR7: «Il merito dell’operazione va dato alla Juventus e al suo presidente».

Jorge Mendes, celebre procuratore di Cristiano Ronaldo, è tornato a parlare del passaggio di CR7 alla Juventus la scorsa estate e ha svelato a riguardo importanti dettagli. «Il merito dell’operazione – ha dichiarato l’agente, premiato come migliore agente al Golden Boy – è della Juventus e del suo presidente. A gennaio Ronaldo mi disse che avrebbe voluto giocare con i bianconeri, ma io gli risposi che sarebbe stato difficile al limite dell’impossibile».

«Ho parlato con Paratici e Nedved prima della sfida di Champions League a Madrid e ho capito che da impossibile l’operazione diventava fattibile. – ha svelato Mendes – La prima riunione c’è stata dopo lo 0-3 con il gol in rovesciata a Torino. Cristiano è il migliore della storia, ci sono voluti due-tre mesi ma alla fine è successo. Florentino Perez ha dovuto prendere atto della situazione».

E il contributo del fuoriclasse portoghese alla squadra di Allegri si sta rivelando finora quello che i bianconeri si aspettavano. Ronaldo ha infatti segnato finora 12 gol in 21 presenze complessive con la sua nuova squadra, di cui 11 in 16 gare in Serie A.

CRISTIANO RONALDO SUL RIGORE: «ICHAZO BRAVO, MA NON L’HA PRESO»