Astori, una maglia del Torino e uno striscione a Superga: «Conosciamo questo dolore» – FOTO

© foto www.imagephotoagency.it

A Superga, l’omaggio dei tifosi granata in ricordo di Davide Astori. Toccante messaggio in vista della gara domenicale contro la Fiorentina, con tanto di maglia speciale – 17 marzo, ore 21.30

Per Astori Torino si mobilita alla grandissima: una maglia speciale e uno striscione dei tifosi a Superga per ricordare il capitano della Fiorentina. Al Granata Store, come anticipato in giornata, è comparsa una maglia granata con il numero 13 – ritirato da viola e Cagliari – e il nome di Astori. Le due tifoserie sono gemellate da decenni e il Torino ha voluto far sentire la sua solidarietà alla squadra toscana in uno dei momenti più tragici della sua storia recente. Un bel gesto che sui social il tifosi, della Fiorentina e non, hanno parecchio apprezzato.

Uno striscione per Astori prima di Torino-Fiorentina

“Superga è un posto magico”. Qualsiasi tifoso del Toro, una volta nella sua vita, avrà detto questa frase. Qui, si respira la storia ma anche tanto dolore. I supporter granata lo sanno bene e sanno anche che, dalle tragedie ci si può rialzare più forti di prima, traendo da queste, un’inspiegabile forza interiore. Ogni 4 maggio, giorno della commemorazione della tragedia che colpì il Grande Torino, questo luogo accoglie in sè migliaia di tifosi. Non solo granata. Quasi come se, solo salendo a Superga, si possa essere più vicino al cielo, per abbracciare chi non c’è più. Forse, anche per questo, oltre al gemellaggio storico che lega Torino e Fiorentina (LEGGI qui le dichiarazioni di Pioli pre-partita), nel pomeriggio che precede la sfida tra le due squadre amiche, i tifosi di casa hanno voluto omaggiare Davide Astori. Con un bellissimo messaggio: «Torino conosce questo dolore…Astori sempre nel cuore».

Domani, il “Grande Torino” non potrà sicuramente colorarsi totalmente di viola, ma la vicinanza alla squadra di Pioli sarà totale. Già al Granata Store è stata esposta una maglia del Toro con scritto il nome di Astori. Questo fa capire che molte volte il calcio può essere un mezzo per creare legami che vanno oltre l’appartenenza ad una bandiera. Lo sport è anzitutto esperienza umana e occasione di crescita personale. E di questo, gli ultras granata oggi, ne hanno dato l’esempio.