Calciomercato 2018: la Serie A ha perso 100 milioni di euro in un anno

© foto Calcionews24

La Serie A si guarda in tasca: 100 milioni spesi in meno rispetto al gennaio 2017. Premier League da sola, vale la metà del calcio europeo

Con la chiusura della sessione invernale del calciomercato 2018, è arrivato  il momento di fare i primi conteggi. La Serie A, se da un lato dimostra che è giunto il momento di farsi meglio i conti in tasca prima di aprire il portafoglio, gli operatori di mercato italiani si sono trovati (costretti) a risparmiare ben 100 milioni di euro rispetto alla sessione invernale 2017. A dirlo sono i dati pubblicati del “CIES Football Observatory“, che ha preso in considerazione le sessioni di mercato della Top 5 dei tornei europei.

Quasi ovvio, si potrebbe dire, in testa nella classifica degli spendaccioni sono gli inglesi della Premier League che, nonostante il trasferimento di Coutinho, sono riusciti a primeggiare con ben €545 milioni spesi, addirittura il doppio rispetto ad un anno fa. Al secondo posto, per importo, si piazza la Liga Spagnola: con i 319 milioni, ha addirittura decuplicato la cifra spesa rispetto a 12 mesi fa. Poi, a distanza siderale, Bundesliga (85), Ligue 1 (66) ed ultima, la Serie A, con appena 51 milioni spesi. Ed il trend negativo è accentuato se si pensa che nel 2017, il torneo italiano aveva messo sul tavolo ben 149 di milioni, un saldo negativo incredibile di quasi 100 milioni, 98 per la precisione. Per trovare una cifra identica spesa in Italia, bisogna ritornare al mercato di gennaio 2010, quando l’importo fu pari a 52 milioni. Di li a pochi mesi, occorre ricordare, l’Inter di Mourinho realizzò il Triplete, segno che le spese folli forse, mal si conciliano con il calcio tricolore. Valutando in termini complessivi, i 5 tornei più importanti hanno speso 1,067 miliardi di euro nel mese di gennaio 2018, registrando un +36% rispetto alla passata edizione, con la Premier che, da sola, ha speso la metà: il 51% dei soldi spesi per il mercato di gennaio parla inglese.

Andando ad osservare la classifica di chi ha speso di più per rafforzarsi per la stagione 2017/18, comprendendo dunque anche il mercato estivo scorso, il PSG è la squadra che ha aperto di più il portafoglio, segnando 418 milioni e sopravanzando di poco il Barcellona, arrivato a quota 414 dopo l’acquisto di Coutinho. Il Milan si conferma il club italiano più spendaccione, con i 250 milioni spesi nelll’agosto scorso mentre Juventus e Tottenham, prossime avversarie negli ottavi di Champions, sono più vicine, dopo che gli Spurs hanno operato sul mercato con l’acquisto di Lucas Moura dal PSG.