Caos FIGC, Ceferin (pres. UEFA): «Tavecchio ha fatto buone cose. Pensavate di vincere il Mondiale?»

Iscriviti
alexander ceferin, uefa
© foto www.imagephotoagency.it

Alexsander Ceferin, Presidente della UEFA, ha parlato dello stato del calcio italiano

Il caos FIGC non passa inosservato neanche a livello europeo. Il momento del calcio italiano è stato infatti oggetto d’analisi da parte del presidente UEFA, Alexsander Ceferin. Questi, intervistato da Repubblica, ha espresso il suo giudizio sulla recente esclusione dell’Italia dai Mondiali di calcio: «Sportivamente, per un Paese tanto passionale verso il calcio, è una tragedia. Ma succede, l’Olanda ha mancato anche l’Europeo. È un’opportunità per cambiare le cose che non vanno». Secondo Ceferin il vero problema dell’Italia riguarda le infrastrutture: «Tra i grandi Paesi europei l’Italia è il più indietro. È una catena: senza infrastrutture non si creano giovani calciatori, senza talenti non si vince. Servono progetti chiari. L’Uefa dà un contributo alle federazioni che presentino piani con partner anche locali, per nuovi campi o centri sportivi. Oggi l’Italia non può ospitare un grande torneo: scarse infrastrutture e stadi obsoleti».

Ceferin ha detto la sua anche sull’operato dell’ormai ex capo della Federcalcio, Carlo Tavecchio. Quello espresso dallo sloveno è stato un giudizio positivo: «È diventato Presidente della F.I.G.C. nel 2014 e ha preso Conte, che in Francia non aveva un top team e che poi è andato al Chelsea. Tavecchio ha preso un altro C.T., ma pensate che in due anni si potesse vincere il Mondiale, dopo due uscite al primo turno? Per il resto la F.IG.C. ha fatto un buon lavoro».