Connettiti con noi

Calcio italiano

Conferenza stampa Dionisi: «Voglio rivedere la stessa attenzione di San Siro»

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Le parole di Alessio Dionisi in conferenza stampa in vista della sfida contro il Napoli di domani sera al Mapei Stadium

Alessio Dionisi del Sassuolo ha parlato in conferenza stampa per presentare la sfida contro il Napoli di domani sera. Ecco le sue parole:

NAPOLI – «Vorrei rivedere la stessa attenzione di San Siro. Ho parlato ieri con la squadra di attenzione e applicazione e della fase difensiva, situazioni che non sempre ci sono state. Dobbiamo dimostrare di essere cresciuti. Dovremo essere compatti per fare risultato»

HENRIQUE – «Si è guadagnato spazio lavorando sodo sul campo.  Ha fatto un’ottima partita e sono contento per lui. Ha avuto qualche piccolo fastidio e dobbiamo valutarlo. In mezzo al campo abbiamo diverse soluzioni.»

SCAMACCA «E’ un giocatore bravo. Lui come altri è un ragazzo che vuole migliorarsi. Dobbiamo supportarlo e farlo migliorare senza parlarne tanto.»

SPALLETTI – «Non vedo l’ora di conoscerlo. Lo apprezzo e lo ammiro per i risultati e per la personalità. Ho avuto la fortuna di passare da Empoli e sono toscano come lui. Sarà un piacere stringergli la mano, poi giocano i giocatori per fortuna.»

ASSENZA OSIMHEN – «Il Napoli ha giocatori importanti. Senza Osimhen, c’è Mertens. Hanno caratteristiche diverse, ma sono due giocatori importanti.»

SASSUOLO – «E’ opportuno continuare così ma non ci precludiamo la possibilità di cambiare. Ad oggi dico che abbiamo raggiunto un buon equilibrio ma 4-5 giorni fa non si parlava di questo perché si va molto dietro al risultato. Ci meritiamo la classifica che abbiamo. Abbiamo ottenuto meno delle prestazioni fatte, ma non è sfortuna.»

CALCIOMERCATO – «Non mi sembra opportuno parlare nel pre-partita di Napoli del mercato.»

BOGA – «Oggi si allenerà e valuteremo. Non partirà dal primo. Ci riserviamo di aspettare l’allenamento per valutarlo.»

SCUDETTO – «Siamo lontani dallo scudetto fuori dalle big. L’Atalanta non va considerata una piccola, gioca alla pari con le big d’Europa, però se consideriamo l’Atalanta come una piccola siamo lontani dal vedere una piccola vincere lo Scudetto.»

SQUINZI – «”Mai smettere di pedalare” credo lo dipinga bene.»