Connettiti con noi

Coppa Italia

Conte a caccia dell’impresa contro la Juve: serve un’Inter formato campionato

Pubblicato

su

L’Inter deve ribaltare il ko dell’andata nel return match della semifinale di Coppa Italia contro la Juventus. Le scelte di Conte per la gara dell’Allianz Stadium

Sarà ancora Juventus Inter. Terzo Derby d’Italia in meno di un mese tra campionato e Coppa Italia, con i bianconeri che partono con i favori del pronostico per staccare il pass per la finale dopo il successo esterno per 2-1 della gara d’andata. Servirà un’impresa sportiva alla squadra di Antonio Conte per ribaltare il passivo all’Allianz Stadium, campo che i nerazzurri non espugnano dal lontano 2013 quando sulla panchina della ‘Vecchia Signora’ c’era proprio l’ex Ct della Nazionale.

Nella sfida della scorsa settimana l’Inter fu trafitta dalla doppietta di Cristiano Ronaldo, con i nerazzurri che pagarono a caro prezzo due errori difensivi dopo il vantaggio ad opera di Lautaro Martinez. Conte ritroverà rispetto al primo round di San Siro due elementi fondamentali come Lukaku e Hakimi, out per squalifica. Stavolta invece, dopo il giallo dell’andata, non ci saranno Vidal e Sanchez, quest’ultimo sprecone e bacchettato da Conte a fine partita per le troppe occasioni fallite. Al posto del centrocampista, uscito acciaccato dal match con la Fiorentina, è pronto Gagliardini: l’ex Atalanta è favorito su Eriksen e Sensi per affiancare Brozovic e l’inamovibile Barella.

LEGGI ANCHE: Juve Inter, occhio al giallo: 15 giocatori rischiano di saltare la finale di Coppa Italia

Juventus-Inter, le scelte di Conte: tornano Lukaku e Hakimi rispetto all’andata

Lukaku

A sinistra crescono le possibilità di una conferma di Perisic dopo il gol del ‘Franchi’, con il croato in ballottaggio con Young e Darmian. Nessun dubbio invece davanti a capitan Handanovic con il trio di titolarissimi formato da Skriniar, de Vrij e Bastoni. Conte va a caccia dell’impresa e sa che per conquistare il biglietto per la finalissima servirà un’Inter praticamente perfetta, come quella vista lo scorso 17 gennaio in campionato. Un’altra eliminazione, dopo la cocente delusione in Champions League, rischierebbe di essere deleteria (soprattutto a livello mentale) anche per la corsa scudetto.

Juventus (4-4-2): Buffon; Cuadrado, de Ligt, Chiellini, Alex Sandro; McKennie, Bentancur, Rabiot, Chiesa; Kulusevski, Cristiano Ronaldo. All. Pirlo

Inter (3-5-2): Handanovic; Skriniar, de Vrij, Bastoni; Hakimi, Barella, Brozovic, Gagliardini, Perisic; Lukaku, Lautaro Martinez. All. Conte