Connettiti con noi

Coppa Italia

Coppa Italia, il doppio sgambetto di Conte e la prova di maturità di Pirlo

Pubblicato

su

conte pirlo juventus

Secondo derby d’Italia stagionale, Conte sogna un altro sgambetto mentre Pirlo ha bisogno di una prova di forza. 

Due settimane fa a San Siro l’Inter passeggiava su una Juventus senza anima e cuore, uno dei punti più bassi della stagione bianconera. Ma da quel giorno qualcosa è cambiato, Ronaldo e compagni hanno iniziato a vincere – compreso la Supercoppa, primo trofeo stagionale – e non hanno più smesso. La delusione per quella sconfitta è diventata benzina, e due settimane più tardi a Milano arriva un’altra Juve. Con un gruppo quasi al completo, più consapevole e maturo, e tutte le certezze che sono venute a mancare in campionato. Le quattro vittorie consecutive hanno rilanciato una Juventus che può contare su rientri importanti e automatismi sempre più rodati, la sensazione è che stavolta a Conte servirà più di quanto fatto in campionato per portare a casa l’andata delle semifinali di Coppa Italia.

L’Inter arriva dalla vittoria brillante contro il Benevento, ma il cammino è più incerto di quanto dica la classifica (-2 dal Milan), con due vittorie, una sconfitta e due pareggi nelle ultime cinque di campionato. Le difficoltà societarie hanno bloccato il mercato, Conte non ha ottenuto lo stesso trattamento di Pioli e ha dovuto rinunciare a Dzeko, suo vecchio pallino, per poco meno di 3 milioni di euro. Di nuovo allievo (Pirlo) contro il maestro (Conte), ma stavolta i bianconeri sembrano aver imparato la lezione per evitare di ripetere gli errori dell’ultimo 2-0. Mentre Conte probabilmente dovrà inventarsi qualcosa di diverso per sorprendere questa Juventus. Mancherà Lukaku, ma Eriksen è in cerca di un’altra serata magica in Coppa Italia, dall’altra parte c’è Ronaldo a secco da tre partite, e in porta Buffon. Uno che sa esattamente cosa serve per vincere un derby d’Italia.

Advertisement