De Canio: “Non eravamo salvi prima e non lo siamo neanche ora”

© foto www.imagephotoagency.it

Torna al successo la formazione rossazzurra che sale a quota 9 punti

Un successo strappato con i denti e tre punti che sanno di vera iniezione di fiducia per il Catania. La vittoria ottenuta contro l’Udinese, frutto di un rigore realizzato da Maxi Lopez, capitalizzato al massimo, permette agli etnei di raggiungere a 9 punti Sassuolo e Sampdoria, in attesa delle gare di domani. In sala stampa, ai microfoni di CalcioNews24.com, è intervenuto il tecnico del Catania, Gigi De Canio, sicuramente soddisfatto della gara dei suoi: “Abbiamo fatto 25 minuti di gran calcio contro un squadra come l’Udinese, così come un po’ sofferto. Nella ripresa abbiamo subìto qualche contropiede. Era importante riprendersi e ritrovare lo spirito giusto per salvarci. Siamo consapevoli che non siamo salvi oggi. Un prestazione, come quella di oggi, mi gratifica molto. Questa è l’unica strada che il Catania deve percorrere fino all’ultimo minuto dell’ultima gara. Durante la settimana guardo il lavoro e le prestazioni dei calciatori. Alvarez l’ho visto un po’ affaticato, mentre Izco è andato sempre in campo anche con una caviglia in disordine. Dovevo gestire diverse situazioni che potevano verificarsi, dovendo centellinare le sostituzioni. Biraghi è giovane ed ha fatto bene, ma anche Capuano ha meritato un chance. Oggi ho preferito mettere un difensore in più (Alvarez entrato nella ripresa, ndr) per contrastare la qualità degli attaccanti talentuosi dell’Udinese. I giovani come Gyomber giocano perché meritano, io non guardo la carta d’identità, così come Keko. Sono soddisfatto di aver recuperato giocatori come Keko che erano stati un po’ accantonati. Non dovevamo esaltarci prima e non dobbiamo esaltarci ora. Questo è solo un punto di partenza. Dopo la sosta non so chi potrò recuperare dagli infortuni. Probabilmente Spolli. Almiron è uscito per il riacutizzarsi di un problema presentatosi ieri durante la rifinitura. Castro non dovrebbe avere nulla di preoccupante. Maxi Lopez è un grande giocatore. Quando starà meglio farà ancora di più. I rigori non assegnati all’Udinese? Nel calcio capitano di queste cose. Io dico che c’erano due episodi da espulsione contro i friulani”.

Dal nostro corrispondente

Andrea Mazzeo