Fassone sul voluntary agreement: «Da UEFA richieste impossibili ma attendiamo. Mercato? Commessi errori»

fassone milan
© foto www.imagephotoagency.it

Le parole di Marco Fassone, amministratore delegato del Milan, sulle ultime vicende rossonere e sul futuro

A tutto Fassone! L’amministratore delegato del Milan ha parlato al suo arrivo negli uffici della Lega Serie A dove oggi si terrà una riunione importante per il futuro del calcio italiano. L’ad ha parlato della decisione della UEFA che avrebbe deciso (non c’è ancora l’ufficialità) di negare il voluntary agreement ai rossoneri: «Dai giornali sembra già che sia arrivata la decisione e abbiamo appreso con sorpresa queste notizie. La UEFA si riunirà domani mentre i giornali hanno già avuto delle informazioni. La UEFA ci ha fatto alcune richieste che sono impossibili da accontentare, non solo per noi ma per qualsiasi club. Noi abbiamo fornito un’ampia documentazione e abbiamo dimostrato grande disponibilità. Dico no ai funerali anticipati perché nella peggiore delle ipotesi andremo a discutere un altro agreement».

Prosegue Marco Fassone: «Non c’è ottimismo, noi non abbiamo mai parlato. C’è totale fiducia che la decisione venga presa in buona fede e che non sia stata ancora presa. Se dovesse arrivare una risposta negativa bisognerà capire quali sono i club che possono avvalersene perché al momento nessun club ha sottoscritto quell’accordo, il Milan sarebbe il primo. Rifinanziamento del debito con Elliott? La scadenza è fissata a ottobre 2018 ma vogliamo chiedere il discorso entro primavera e stiamo lavorando per questo. Gattuso? Stiamo attraversando un periodo complesso, di rinnovamento. C’è la volontà di tutti noi di affrontare questa annata di transizione con il massimo sforzo possibile, speriamo che i tempi non siano lunghi. Ci vorranno 4-5 partite per vedere i primi risultati sul piano tattico e fisico di Gattuso ma siamo ottimisti. Mercato estivo? Abbiamo commesso uno o due errori ma sono convinto che abbiamo fatto una grande campagna acquisti».