Italia, Costacurta ora si candida: «In FIGC serve uno come me»

costacurta
© foto www.imagephotoagency.it

Alessandro Costacurta pensa ad un ruolo in FIGC. Le sue parole ne sono la conferma

Il suo nome fa parte della rosa di quelli «spendibili» nell’ottica del tanto atteso rinnovamento del calcio italiano: e a quanto sembra Billy Costacurta sembra pronto a farsi carico di questa responsabilità. Intervenuto durante la trasmissione Calciomercato – L’originale di Sky Sport, l’ex difensore del Milan ha di fatto avanzato la propria «candidatura»: «In FIGC potrebbe servire una figura come la mia, un punto di riferimento. I risultati ottenuti dalle giovanili in Italia non possono essere messi in un angolo: stanno li a dimostrare che c’è qualcosa di buono».

Costacurta ha poi analizzato il momento complicato del movimento: «La generazione che doveva portarci al Mondiale è stata qualitativamente inferiore alle attese per diversi motivi, fermo restando che comunque anche Ventura ha le sue responsabilità perché non ha sfruttato il potenziale nel migliore dei modi. La mia generazione aveva la fortuna di fare quasi quotidianamente partite importanti come quella con la Svezia: non avevamo paura, anzi, erano le nostre partite».