Fiorentina all’attacco: «Proteste della Juventus inaccettabili»

© foto www.imagephotoagency.it

Gino Salica, vicepresidente della Fiorentina, ha pronunciato parole forti nei confronti della Juventus dopo le proteste bianconere in occasione del rigore poi revocato ai viola venerdì scorso

Quanto accaduto venerdì scorso al Franchi durante Fiorentina-Juventus non va giù alla società viola. E non si parla tanto del rigore prima assegnato e poi revocato alla formazione toscana, quanto dell’atteggiamento aggressivo dei giocatori bianconeri nei confronti dell’arbitro Guida. Lo ha chiarito il vicepresidente della Fiorentina, Gino Salica, sottolineando l’accerchiamento subito dal direttore di gara in attesa di comunicazioni sul da farsi dalla cabina Var.

Salica ha spiegato: «È inaccettabile che soltanto ad alcune squadre sia consentito protestare così. Parliamo ogni giorno della mancanza di credibilità del calcio italiano, il fatto che non ci si sia qualificati ai Mondiali, che Lega e Figc siano commissariate da tempo e, se ci mettiamo anche questi episodi, la vedo veramente dura». La strategia della Fiorentina, come ha spiegato il dirigente viola a Italia 7, è chiara: «Fare in modo che anche altri club  si uniscano affinché i giocatori della Juventus non ripetano atteggiamenti inconcepibili». Salica ha aggiunto: «La questione di cosa fare dopo la gara contro la Juventus l’abbiamo dibattuta a lungo. (…) Ci abbiamo riflettuto e abbiamo deciso di seguire un’altra linea. Probabilmente noi perdiamo la battaglia, tanto la partita era già persa. Forse i tifosi avranno di nuovo la percezione che siamo una società assente, che cura poco le cose. Invece abbiamo preferito intervenire in modo diverso. Con il presidente Cognigni stiamo studiando un’operazione per portare ai livelli giusti quello che è un disagio profondo».