Connettiti con noi

Calcio italiano

Gravina: «Chiediamo le stesse garanzie di altri settori, lo Sport non è da meno»

Pubblicato

su

Gravina

Gabriele Gravina, presidente della FIGC, è stato oggi presente al Consiglio Nazionale del CONI: ecco le sue dichiarazioni

Presente al Consiglio Nazionale del CONI, il presidente della FIGC Gabriele Gravina ha rilasciato le seguenti dichiarazioni, riportate dall’ANSA:

«Io non chiedo ristori, non chiediamo assistenzialismo. Chiediamo mezzi per auto determinarci ed essere imprenditori di noi stessi, le stesse condizioni che vengono garantite ad altri settori di cui noi non siamo da meno. Ringrazio la Sottosegretaria perché ha preso decisioni importanti e che ci danno respiro, dall’apertura del pubblico agli Europei e parte di pubblico anche per il campionato. Siamo convinti che ci saranno comunque attenzioni su alcune nostre aspettative. Stamattina in Giunta non è emerso un rapporto di contrasto al governo. Il governo per noi non è una controparte, pensiamo che ci sia l’esigenza dello sport nel trovare di nuovo sponda all’interno del governo e che l’Esecutivo comprenda le reali esigenze del nostro mondo. Abbiamo bisogno di risposte vere, concrete. Alcuni temi non sono più procrastinabili. Più volte ci siamo sentiti dire che il governo ha sostenuto o sport, ma lo sport restituisce 1,400 miliardi l’anno di gettito fiscale al governo. In sostanza, lo sport italiano ce lo finanziamo da soli. Per uscire dall’equivoco una volta per tutte, io ho proposto un progetto unico per lo sport che lo metta a disposizione del governo: più volte abbiamo contestato ma non siamo stati propositivi. Io chiedo al Consiglio nazionale di redigere il primo progetto di riforma credibile, definitivo, dello sport italiano».