Dalla Fiorentina alla Fiorentina: il girone d’oro di Hakan Calhanoglu

Iscriviti
calhanoglu milan
© foto www.imagephotoagency.it

Hakan Calhanoglu dalla Fiorentina alla Fiorentina: un girone fa iniziò la scalata a un posto da titolare, con Gennaro Gattuso è diventato uno degli insostituibili del Milan

Il Milan domani affronterà la Fiorentina e capirà se sarà da sesto o settimo posto. Tra i titolari della squadra di Gennaro Gattuso troviamo Hakan Calhanoglu, che un girone fa sembrava destinato a diventare un flop di mercato e proprio con la Fiorentina riuscì a mettersi in mostra. Era l’ultima giornata del girone di andata e del 2017, il Milan era di scena a Firenze e Calhanoglu era in panchina dopo aver ben impressionato nel derby di Coppa Italia. Il turco entrò nella ripresa ma poco dopo Giovanni Simeone portò avanti i viola, sembrava l’ennesima sconfitta di un Milan fuori forma ma ci pensò proprio Calha a portare il match sul pari. Sfruttò un errore di Sportiello e mise il pallone in rete da pochi passi, per quello che probabilmente è il suo gol più facile da quando è al Milan.

Da quella rete, la seconda in Serie A, è cambiato tutto. A fine dicembre Calhanoglu era un oggetto misterioso: Montella lo vedeva poco e non lo schierava con continuità. Gattuso aveva intravisto qualcosa in lui e decise di mandarlo nella mischia a Firenze, da quel momento Calhanoglu di panchina ne ha fatta pochissima. Il turco è diventato l’arma in più a sinistra per il Milan e ha rubato a Suso lo scettro di giocatore più decisivo. Non è proprio un’ala e su questo dovrà lavorare Gattuso, chissà, forse proprio da Milan-Fiorentina di domani. Calhanoglu chiuderà il suo girone da titolare indiscusso e, dato che Suso e Borini sono indisponibili, potrebbe giocare dietro alle due punte come trequartista. Dalla prossima stagione il Diavolo potrebbe tornare a giocare col 4-3-1-2 e proprio Calhanoglu tornerebbe al ruolo che lo ha reso celebre. Dalla partita con la Fiorentina si avranno indicazioni in merito.