Connettiti con noi

Borussia Dortmund

Inter Borussia Dortmund, conferenza stampa Favre: «Conosciamo la squadra di Conte»

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Inter Borussia Dortmund: la conferenza stampa di Lucien Favre alla vigilia del match di Champions League

Dalla sala stampa di San Siro, il tecnico del Borussia Dortmund Lucien Favre ha parlato in conferenza presentando il match di domani sera contro l’Inter. Queste le sue dichiarazioni.

BURKI – «Non sappiamo se potrà giocare. Ieri si sentiva bene, ma non sappiamo se potrà giocare. Saranno dubbi che scioglieremo dopo la rifinitura».

FINALE – «Quello che ha detto Conte è giusto. Ci sono molte partite nel girone, può succedere ancora di tutto, non è una finale quella di domani»

CAPITANO – «Non serve a niente parlare di chi sarà il capitano. Non serve a nulla discutere di questo tema, è già successo in passato che Reus non fosse disponibile e tutto ha funzionato bene. Reus non sarà dei nostri domani».

HUMMELS – «Cosa ne penso di Hummels? Ne abbiamo già parlato in precedenza, ha giocato molto bene sia contro il Leverkusen sia contro il Barcellona. Per quanto riguarda la sua prova in Nazionale, non mi riguarda»

ALCACER E REUS – «Anche di questo aspetto abbiamo già parlato, sono giocatori infortunati che non possiamo utilizzare, fine»

SANCHO – «Sappiamo tutti cosa è successo e della multa, ora è stato reintegrato e questo è l’importante»

PARTITA – «Ci sono ancora quattro partite da giocare, vogliamo qualificarci per gli ottavi di finale e domani sarà una partita molto importante per noi. Dobbiamo essere totalmente concentrati sulla partita di domani. Affronteremo una squadra molto forte che ha giocato molto bene contro la Juventus e anche domenica».

INTER – «Sicuramente abbiamo già visto l’Inter quest’anno. Abbiamo visto diverse partite della squadra di Conte, è una squadra efficiente che difende molto bene ma ogni squadra ha le sue qualità e le sue pecche».

ALTERNATIVE A HUMMELS – «Abbiamo alternative a Hummels, nel caso mancasse. Ovviamente non dirò adesso chi manca e chi no»