Italia, Di Biagio: «Balotelli? Nessuna chiusura. Buffon è qui per giocare»

di biagio italia under 21
© foto www.imagephotoagency.it

Le parole di Gigi Di Biagio sui temi caldi della Nazionale

Sono giorni decisivi per il futuro di Gigi Di Biagio, ad oggi commissario tecnico pro-tempore, domani chissà. Come riportato da La Gazzetta dello Sport, il cittì azzurro ha dichiarato: «Non è importante, sono un uomo federale, lavoro qui da 8 anni, mi hanno dato questa opportunità e cercherò di sfruttarla al massimo. È innegabile che mi giochi qualcosa ma non è la priorità». Rispetto alle prossime amichevoli contro Argentina e Inghilterra, e soprattutto sulla possibilità di risollevare l’Italia dopo la mancata qualificazione ai Mondiali, Di Biagio ha detto: «Il passato non si può cambiare. Siamo fuori dal Mondiale e dobbiamo ripartire. Non siamo ai livelli delle più forti al mondo, ma nemmeno tra le peggiori. Si può ricreare una squadra, ripartiremo dai calciatori che ho visto crescere».

Di Biagio ha parlato anche di singoli. Su Balotelli, ad esempio, ha detto: «I numeri sono molto chiari per gli attaccanti, ma devono essere conditi in certe prestazioni. Io ho guardato, valutato e deciso. Ho pensato che per il mio bene e per la mia squadra siano le scelte migliori. Ora va così, ma non c’è nessuna chiusura». Alte le aspettative su Verratti: «Per me Marco ha tutto per diventare un giocatore molto importante. Forse è giudicato con troppa severità, ma può fare di più, tutti si aspettano di più. Gli chiediamo un salto di qualità». Chiusura su Gigi Buffon: «Gigi è un monumento ed è qui per aggregare, ma anche per giocare, dare un qualcosa in più. È un valore aggiunto dentro e fuori dal campo. Giocherà una o due partite, non so, valuterò nel corso dei giorni».