Juventus, Allegri: «Scudetto a un passo. Kean può solo migliorare. Su Dybala…»

© foto www.imagephotoagency.it

Il tecnico della Juventus Massimiliano Allegri ha commentato nell’intervista post-gara il successo in rimonta sul Milan

Al termine della partita tra Juventus e Milan, vinta dai bianconeri in rimonta per 2-1, il tecnico Massimiliano Allegri è intervenuto ai microfoni di Sky Sport. Queste le sue parole: «Era importante vincere oggi perché si trattava pur sempre di un Juve-Milan. È stata una partita difficile, ma ben interpretata da parte nostra. Ora ci basta una vittoria o un pari per aggiudicarci lo Scudetto, che sarebbe un gran risultato. Nel primo tempo non siamo stati impeccabili, ho dovuto arrangiare la squadra e abbiamo fatto qualche errore di troppo. Sul gol abbiamo subito l’alta pressione del Milan e per quanto fatto il loro vantaggio è stato meritato. Poi però nel secondo tempo siamo andati decisamente meglio, ben disposti in campo e con trame di gioco interessanti. Non eravamo già con la testa all’Ajax, semplicemente sapevamo di poter avere difficoltà contro una squadra come il Milan, ma siamo riusciti a cavarcela».

E, sui singoli, ha aggiunto: «La rabbia di Dybala al momento della sostituzione è normale, ma dovevo fare dei cambi precisi in quel momento e avevo bisogno di altri giocatori. Paulo, poi, viene anche da un periodo in cui non ha giocato molto. Il gol gli ha certamente dato fiducia, ma come tutti deve lottare per ritagliarsi uno spazio tra i titolari, vista la concorrenza che c’è. Kean? Sempre bravo e determinante da subentrato, sta facendo bene, ma bisogna lasciarlo lavorare in totale serenità. Preferisco che si alleni con i campioni piuttosto che giocare tante partite, è il miglior modo per crescere e migliorare. Non so se in Champions potrà partire dal 1′, ma anche i panchinari possono determinare il risultato, il risultato di oggi lo dimostra. Ronaldo? Voleva giocare già oggi, ma l’ho frenato. Sta viaggiando molto bene, speriamo di vederlo per la coppa».