Lazio, la furia di Tare costa cara: ecco cosa rischia

Iscriviti
© foto Youtube

Igli Tare, dopo aver protestato platealmente con l’arbitro Massa per il calcio di rigore assegnato alla Fiorentina nei minuti finali della partita con la sua Lazio, rischia una stangata

Rischia di costare caro ad Igli Tare il nervosismo nel post-partita di Lazio-Fiorentina. Il diesse biancoceleste non ha condiviso la decisione dell’arbitro Massa, che nel finale di gara – dopo essere ricorso al Var – ha assegnato alla formazione viola un calcio di rigore per il contatto in area tra Caicedo e Pezzella. Una decisione che non è andata giù al direttore sportivo laziale, sceso dalla tribuna dell’Olimpico fino al terreno di gioco per comunicare al fischietto il proprio dissenso.

Evidentemente contrariato, Tare ha chiesto più volte: «Ma cosa hai visto? Dimmi cosa hai visto». Da Massa però non è arrivata alcuna risposta e adesso il rischio è che il braccio destro di Lotito vada incontro ad una stangata dal punto di vista disciplinare. Si parla di mesi di inibizione (Tare non poteva entrare in campo, ndr) e di una multa.