Manchester United, Darmian: «Obiettivo Europa League. Mou sempre buono con me»

Matteo Darmian
© foto www.imagephotoagency.it

Matteo Darmian tira le somme della sua seconda stagione a Manchester. Il terzino dello United mostra soddisfazione per la semifinale di Europa League vinta in casa del Celta Vigo ma mantiene alta la guardia

Nelle ultime giornate di Premier League ha ritrovato il campo con continuità ed ha dato il suo contributo giocando l’intera semifinale d’andata di Europa League vinta per 1-0 in casa del Celta Vigo. Matteo Darmian, alla seconda stagione con la maglia del Manchester United, vede la finale di Solna. Nel mirino dell’ex terzino del Torino c’è il primo trofeo di spicco della sua carriera, ma resta alta la concentrazione in vista della gara di ritorno: «Il risultato è buono, abbiamo fatto gol fuori casa e non ne abbiamo presi. Il Celta però è una buona squadra, in Coppa del Re ha vinto 2­-1 al Bernabeu eliminando poi il Real. E se vincono 2-­1 a Manchester passano. Non siamo ancora in finale e il ritorno andrà preparato al meglio perché sarà una partita difficile. Di buono c’è che giochiamo a Old Trafford ed è sempre una motivazione in più. La finale è il nostro grande obiettivo. Rashford? È già un grande giocatore ed è ancora molto giovane. Può diventare un top player perché è bravo in ogni aspetto: ha corsa, tiro, movimento, velocità e vede la porta», ha spiegato a La Gazzetta dello Sport.

LA STAGIONE – «Alla fine sono riuscito a ritagliarmi il mio spazio. Anche quando non giocavo ho cercato sempre di lavorare con impegno dando il massimo e sfruttando le occasioni che mi ha offerto l’allenatore. Mourinho è sempre stato buono con me e continua a esserlo. Probabilmente prima lui era soddisfatto per il mio impegno, ora io sono soddisfatto perché gioco di più, ma non ci sono mai stati problemi, solo grande professionalità». Stagione in crescendo per il difensore classe ’89, che mette nel mirino l’azzurro della Nazionale: «Ventura non l’ho sentito, ma l’importante è che io stia giocando perché si tratta di una buona vetrina per me. Lo United è una squadra importante, così come lo sono competizioni quali la Premier e l’Europa League. Devo continuare a lavorare per essere chiamato da Ventura».