Milan, Higuain si sblocca: digiuno interrotto con la SPAL dopo 866 minuti

© foto www.imagephotoagency.it

Gonzalo Higuain si sblocca contro la SPAL: ‘Il Pipita’ ritrova il gol dopo oltre 2 mesi di digiuno e piange prima di abbracciare Gattuso.

Nella gara più delicata, quella decisiva per il futuro suo e del tecnico Gennaro Gattuso, Gonzalo Higuain si sblocca e ritrova la rete 866 minuti dopo l’ultima gioia, che risaliva al 28 ottobre scorso nel 3-2 sulla Sampdoria. È il 64′ della sfida fra Milan e SPAL a San Siro, e Calabria mette al centro dalla destra servendo Calhanoglu, che pesca Higuain a centro area. ‘Il Pipita’ sbaglia il primo controllo ma rimedia tornando sul pallone e scagliandolo con violenza sotto la traversa.

Il Milan, passato in svantaggio nel primo tempo per il gol dell’ex Petagna, completa la rimonta dopo l’1-1 siglato da Castillejo e l’argentino, consapevole dell’importanza del momento per sé e per la squadra, si libera in un pianto catartico prima della corsa verso la panchina abbracciare il suo allenatore Gennaro Gattuso. Per l’attaccante, miglior marcatore rossonero in Serie A, è il sesto gol stagionale in campionato. A conclusione della bella serata, all’82’ Higuain, di nuovo in lacrime, ha raccolto la standing ovation dei suoi tifosi a San Siro quando Gattuso lo ha richiamato in panchina per lasciar spazio a Borini, a cancellare i mugugni arrivati al termine della prima frazione.

«È stato un gol importante, – ha affermato Higuain a DAZN – erano tre punti fondamentali ma spiace per tutti quelli buttati prima nelle ultime giornate. Ora siamo ad un punto dalla Champions e andremo a riposarci con le nostre famiglie. Gattuso mi ha sempre appoggiato, dandomi affetto, stima ed un rapporto diretto, è merito suo questo gol». Nel mirino del ‘Pipita’ c’è ora la sua ex squadra, la Juventus. «Il prossimo obiettivo è la Supercoppa, – ha sottolineato ‘Il Pipita’ – è il primo titolo della stagione e speriamo di vincerlo». Quanto al rapporto difficile con i tifosi, Higuain ha spiegato: «Normale che la gente fischi quando si aspetta qualcosa in più. Ero convinto di questo progetto in estate, spero di continuare così». Ora tutti si aspettano grandi cose da lui nel 2019. Di certo il momento più difficile per ‘Il Pipita’ è ormai alle spalle.

HIGUAIN E BAKAYOKO: SÌ AI RISCATTI MA SOLO IN UN CASO