Connettiti con noi

News

Milan-Samp riapre la Serie A, derby della Mole da brividi, ostacolo Bologna per Conte

Pubblicato

su

La Serie A torna in campo con la sfida tra Milan e Sampdoria, al termine della sosta per le Nazionali. La gara di San Siro infatti inaugurerà alle 12.30 la lunga giornata di sabato, con ben 10 match in programma.

Nelle file rossonere e blucerchiate ci sono diversi giocatori che attraversano un ottimo momento. Nel Diavolo spiccano sotto il profilo tecnico e atletico 5 giocatori, in formato Top Player europeo (Ibrahimovic, Calhanoglu, Kessie, Kjaer e Tomori), anche se nell’ultimo turno i doriani hanno ridotto il gap (IET -2,6%, IEF -2,7%), posizionando ben 7 giocatori a livello dei migliori pari ruolo in Serie A (su tutti il solito Quagliarella, IET 93%, ed Ekdal, Pressing 94%). Sarà comunque una sfida ostica per i liguri, soprattutto sul piano fisico, dove va segnalato lo straordinario momento di Efficienza Fisica di 3 rossoneri, Hernandez, Kessie e Tomori, capaci nell’ultima uscita di superare il 96% di IEF. Inoltre, se sul piano del carico esterno le due squadre sono quasi alla pari (entrambe si attestano circa sui 108 km di cui 26 ad alta intensità), i rossoneri producono molti più sprint, superando la soglia dei 25 km/h ben 228 volte a partita, contro le 180 dei blucerchiati. Anche sul piano del gioco le due squadre hanno delle affinità. Infatti, le due formazioni si equivalgono nella costruzione di 1vs1 (circa 9 occasioni a testa, entrambe con una percentuale di riuscita inferiore al 40%). Tuttavia, gli uomini di Pioli producono il doppio dei passaggi ad alta difficoltà (23 vs 11), con una efficienza addirittura 4 volte superiore (12 passaggi riusciti contro 3).

Nel tardo pomeriggio andrà poi in onda il “Derby della Mole” tra Torino e Juventus, due squadre che hanno necessità di vincere. Tra le differenze tra le formazioni piemontesi, risalta il divario nella ricerca degli scontri uomo a uomo, accentuato nell’ultimo turno. Di fatto, contro il Benevento i bianconeri hanno creato addirittura 34 occasioni di 1vs1 (21 disputate ed 11 concluse positivamente), mentre lo score dei granata è di 16 occasioni, di cui 6 disputate e 2 chiuse con successo. I ragazzi di Nicola però sono reduci da una maggiore efficienza nei passaggi ad alto coefficiente di difficoltà (60% di successo contro il 40% dei campioni d’Italia) e valori più performanti nel Pressing (88,7%) e in Aggressività Difensiva (91%). Parametri che indicano l’attitudine dei granata nell’accorciare sul portatore di palla appena perso il possesso. Nonostante i suddetti valori denotino una buona condizione fisica del Torino, sarà comunque dura per i granata stare al passo dei bianconeri in quanto ad accelerazioni brusche (835 vs 800) e sprint (233 vs 207). 

A chiudere questo lungo sabato di partite ci sarà Bologna-Inter, con i nerazzurri che vogliono continuare a correre verso lo Scudetto. I nerazzurri arrivano al Dall’Ara guidando, oltre la classifica della Serie A, anche quella degli indici di efficienza (IET 92,2%, IEF 93%). Tuttavia, sotto questo profilo gli uomini di Conte dovranno fare attenzione nella ripresa. Infatti, se nell’ultimo turno i nerazzurri hanno diminuito la performance di quasi il 4% durante la gara, i bolognesi invece hanno sviluppato i picchi di efficienza fisica addirittura verso fine partita, aumentando dell’1% i valori di IEF. Nella fase di possesso, l’Inter è più incisiva dal punto di vista tattico (+4%), con movimenti atti a creare spazi e facilitare le giocate dei compagni, mentre i felsinei cercano più spesso l’1vs1 (22 occasioni contro 10). Le differenze principali però emergono dall’analisi dei dati di carico. Conte chiede ai suoi di mantenere sempre ritmi alti, e infatti l’Inter percorre più distanza (115 vs 110 km) e più azioni ad alta intensità (225 vs 214), mentre i rossoblù producono più azioni oltre la soglia dello sprint (25 km/h): 21 vs 18.