Morata, il cuore juventino e il perché del no al Milan

morata real madrid champions league
© foto www.imagephotoagency.it

Alvaro Morata-Milan non s’ha da fare: il centravanti è passato dal Real Madrid al Chelsea e il perché lo racconta l’agente Beppe Bozzo. Alla base del rifiuto c’è un grande amore per la Juventus

L’affare Alvaro Morata-Milan è stato la telenovela del calciomercato italiano per almeno un mese, poi lo spagnolo è andato al Chelsea. Il Real Madrid lo ha venduto a peso d’oro al club londinese e per l’ex attaccante della Juventus è sfumato il ritorno in Serie A. Perché Morata ha detto no al Milan? A rivelarlo è l’agente Beppe Bozzo, decisivo nell’operazione Bernardeschi alla Juventus. Le parole di Bozzo saranno musica per le orecchie dei fan juventini, un po’ meno per i milanisti.

«All’inizio l’idea Milan non dispiaceva affatto a Morata. Ma se ha scelto di non tornare in Italia e andare al Chelsea è anche per i tifosi della Juventus. Lui a Cardiff è rimasto stupito in positivo dall’affetto dei sostenitori juventini e anche per questo ha deciso di andare a giocare altrove. Il bello è che ora lo allena Conte, colui che avrebbe dovuto avere ai tempi della Juventus. Morata di ritorno alla Juventus? Non mi piacciono le minestre riscaldate ma mai dire mai» sono le parole di Bozzo a Tuttosport.