Connettiti con noi

Focus

Qatar 2022, radiografia dell’Olanda di Van Gaal

Pubblicato

su

Van Gaal

Finora luci e ombre hanno caratterizzato le prestazioni dell’Olanda. Una vittoria per 2-0 sul Ghana, maturata nel finale di gara. Un pareggio per 1-1 con l’Ecuador, dove gli Orange non hanno mostrato segnali di crescita. Ma qual è l’identità della squadra di Van Gaal?

IL SIGNORE DEL CENTROCAMPO

Osservando il numero dei palloni giocati a centrocampo, la centralità sostanziale di Frank de Jong è del tutto evidente. I numeri rivelano che tocca più palloni nella propria metà campo di quanto faccia nel Barcellona, non a caso i giocatori ai quali più affida il pallone sono i difensori. Non si trascuri anche l’apporto di altri due giocatori: uno più versatile, l’ajacide Danny Blind, che può giocare in diversi ruoli, abituato nel club a stazionare nel reparto di mezzo a prescindere dalla posizione di partenza; l’altro è Dumfries, che andando su e giù lungo la fascia è forzatamente un giocatore molto coinvolto nell’elaborazione della manovra.

CHI IMPOSTA, LOTTA

Altra evidenza data dai numeri è che chi imposta il gioco a centrocampo è anche colui che più va a fare contrasti per recuperare palla. I nomi sono di nuovo quelli precedenti. In tal senso una carta per Van Gaal potrebbe essere Koopmeiners, che nonostante abbia un minutaggio sensibilmente differente entra in entrambe le classifiche. Che Van Gaal inizi ad affidarsi maggiormente all’atalantino?

News

video