Ripescaggi in Serie B: sei richieste per tre posti, ecco la graduatoria attuale

lodi catania
© foto www.imagephotoagency.it

Ripescaggi in Serie B: si attende la decisione definitiva. Catania, Novara e Siena in pole position, ma resta tutto sub-judice in attesa dei vari ricorsi

Sono sei le squadre che hanno fatto richiesta per il ripescaggio in Serie B dopo le mancate iscrizioni causa fallimento di tre società: il Bari, il Cesena e – almeno per il momento – l’Avellino. Al momento i club di Serie C interessati ad essere ammesse in serie cadetta sono Catania, Novara, Siena, Ternana, Pro Vercelli e Virtus Entella. Sei squadre per tre posti dunque, ma la procedura di ammissione in Serie B è tutt’altro che semplice: i sei club in questione hanno dovuto presentare le gravose garanzie richieste dalla Lega, ovvero 700mila euro a fondo perduto più altri 400mila euro di fideiussioni. Già a metà della prossima settimana la Serie B potrebbe annunciare i nomi dei club ripescati stilando una sorta di graduatoria di meritevolezza che terrà conto del piazzamento in classifica nella scorsa stagione al 50%, della tradizione sportiva al 25% e della media spettatori per l’altro 25%.

Tenendo conto di tali parametri, in via ufficiosa ma abbastanza verosimile, al momento il Catania sarebbe la squadra più di tutte sicura del ripescaggio, avanti di pochi decimi rispetto al Novara che a sua volta sarebbe davanti al Siena. Seguono poi, per adesso virtualmente fuori da ripescaggi, Ternana, Pro Vercelli e Virtus Entella. C’è però un grosso “ma”: la Corte d’Appello della FIGC potrebbe infatti cancellare la sentenza del Tribunale Federale Nazionale che imponeva alla Federazione di eliminare la norma che escludeva dai ripescaggi club che fossero incorsi in sanzioni per stipendi non pagati nelle ultime tre stagioni: dovesse essere reintrodotta la regola, Novara e Catania, ovvero guarda caso proprio le società in pole position per salire in Serie B, sarebbero fuori dai ripescaggi (entrambe sanzionate negli ultimi tre anni). C’è poi l’Avellino che attende i risultati del ricorso presso il Collegio di Garanzia del CONI sulla fideiussione ritenuta inaffidabile per l’iscrizione al prossimo campionato e il Crotone – retrocesso dalla Serie A ma che vorrebbe essere riammesso al posto del Chievo, scagionato in settimana per il caso plusvalenze fittizie – che ha chiesto il blocco di tutti i campionati in attesa di una decisione definitiva. Un bel casotto.