Connettiti con noi

Conference League

Roma, Mourinho: «Ci mancano due rigori. Siamo padroni del nostro destino»

Pubblicato

su

Mourinho
Ascolta la versione audio dell'articolo

José Mourinho, allenatore della Roma, ha parlato al termine del match di Conference League contro il Bodo/Glimt

José Mourinho, allenatore della Roma, ha parlato al termine del match di Conference League contro il Bodo/Glimt. Le sue dichiarazioni ai microfoni di Sky Sport.

PAREGGIO – «Abbiamo sbagliato tanto dal punto di vista tecnico. Nel primo tempo tante palle perse in mediana, anche Zaniolo e Mkhitaryan non hanno fatto granché. Mancano due rigori, loro due tiri e due gol noi tanti tiri e tanti gol. Adesso l’arbitro va a casa. All’andata non ho detto nulla sugli arbitri perché ci sono stati errori nostri. Oggi erano netti i rigori, non so perché in Conference League c’è gente che inizia la sua carriera a livello internazionale»

EQUILIBRIO – «L’equilibrio parte dai giocatori, oggi senza Vina dovevo risolvere il problema in quel ruolo contro un giocatore bravo che oggi ha toccato una palla e ha fatto un gol pazzesco. Se gioca Ibanez chi gioca centrale? Dopo la prima partita dovevo proteggere Kumbulla, allora ho scelto Cristante. A centrocampo? Ha dovuto giocare Darboe e poi Villar. Ricordo contro il Milan, erano in difficoltà ed è entrato Tonali. Oggi era una gara dove non ho sentito problemi: Karsdorp altissimo, bene in difesa, non avevamo un terzino con cui attaccare. Oggi i tre davanti non hanno fatto bene. Facciamo fatica a segnare. Mi dispiace, ma arbitraggio decisivo. La squadra ha giocato per la maglia e per vincere. Siamo padroni del nostro destino per arrivare secondi». 

PROBLEMI IN ATTACCO – «Sono d’accordo, non sono in un momento positivo. Il giocatore che segna di più è El Shaarawy. Quanti punti abbiamo perso per decisioni arbitrali, però?».