Serie A, Catania-Napoli: le pagelle

© foto www.imagephotoagency.it

Le pagelle di Catania-Napoli…

CATANIA (4-3-3): 

Andujar 6: Poco sicuro sulle conclusioni dalla distanza, in paio di occasioni crea qualche apprensione alla sua retroguardia. Nel primo tempo si fa trovare pronto su un bel tiro dal limite di Cavani.   

Alvarez 4: Errore di posizione e poi abbatte Cavani lanciato a porta: sbaglia praticamente tutto in due minuti. Penalizza nettamente la sua squadra.

Legrottaglie 7: Una partita mostruosa del centrale etneo. Blocca le punte azzurre e riesce a dare sicurezza a tutto il reparto.  

Spolli 6.5: Stesso discorso fatto per Legrottaglie, anche se in alcune occasioni i suoi disimpegni in area fanno tremare Maran in panchina.

Marchese 6: Spinge poco, ma si è sacrificato tantissimo in fase difensiva su Maggio.  

Biagianti 5: Il peggiore in campo nel primo tempo. Sbaglia due disimpegni clamorosi che rischiano di regalare il gol del vantaggio al Napoli. Nella ripresa non rientra in campo.  (Dal 1’ st Izco 6: Viene inserito da Maran per sorprendere il Napoli in contropiede e in paio di occasioni le sue folate offensive fanno tremare la retroguardia azzurra)

Lodi 6: Primi 45’ perfetti, comanda il centrocampo rossoblu, nella ripresa si deve sacrificare in fase difensiva.

Almiron 6.5: Esce dal campo stremato, la vera anima di questo Catania. Si sacrifica tantissimo, da rivedere solo le conclusioni “forzate” dalla distanza.

Barrientos s.v. (Dal 22’ pt Bellusci 6: Buon impatto con il match, comincia a soffrire con l’entrata in campo di Insigne, ma alla fine se la cava)

Bergessio 7: Corre per novanta minuti, fa salire in modo perfetto la sua squadra nonostante l’inferiorità numerica.

Gomez 7.5: Indiavolato. Anche in questa stagione si sta confermando ad alti livelli, imprendibile per tutti: giocate d’alta classe, assist e tiri. Un incubo per il Napoli. Negli ultimi minuti prima una grande parata di De Sanctis e poi il palo gli negano la gioia del gol.  

All. Maran 7


NAPOLI (3-5-1-1):
 

De Sanctis 6.5: Inattivo per 87’, poi il miracolo sul tiro a colpo sicuro di Gomez. Se il Napoli esce imbattuto dal Massimino deve ringraziare soprattutto il suo portiere.

Campagnaro 6.5: Il migliore in campo. E’ l’ultimo a mollare, onnipresente in fase difensiva, ma anche in attacco crea qualche problema alla retroguardia etnea.

Cannavaro 6: Due chiusure provvidenziali nei minuti finali, ma in alcune circostanze tiene troppo la palla e rallenta la manovra della sua squadra.

Aronica 5.5: Troppo falloso e soffre gli attaccanti rossoblu. (Dal 20’ st Vargas 5.5)

Maggio 5: Praticamente inesistente, sulla sua fascia di competenza non si vede e questo penalizza soprattutto le punte azzurre. (Dal 38’ st Dossena s.v.)

Inler 5: Tanta imprecisione soprattutto in fase di possesso. Mazzarri lo sostituisce nel secondo tempo. (Dal 1’ st Insigne 6.5: il migliore nei secondi quarantacinque minuti di gioco, il suo ingresso crea qualche problema alla difesa del Catania, anche se le sue conclusioni dalla distanza non sono proprio precisissime)

Dzemaili 6: Si sacrifica tanto in fase di copertura, anche se le sue condizioni non sono proprio ottimali.

Hamsik 5.5: Benino il primo tempo, male il secondo. Un passo indietro rispetto alle prime giornate di campionato. Oggi non è riuscito mai ad entrare veramente in partita.

Zuniga 6: Poco propositivo, anche perché dalle sue parti bisogna controllare un certo “Papu” Gomez.

Pandev 5.5: Anche per lui un piccolo passo indietro, viene controllato bene dai difensori rossoblu.

Cavani 6: Come sempre tanto movimento e regala alla sua squadra la superiorità numerica per 88’. Nel primo tempo crea qualche pericolo, poi cala anche lui con il passare dei minuti.

All. Mazzarri 5.5