Ventura: «Berardi può esplodere. Su Buffon…»

ventura belotti immobile italia
© foto www.imagephotoagency.it

Il c.t. azzurro in una lunga intervista a Radio 1: «Quello che ha fatto vedere Belotti è nulla, può fare ancora molto di più. Donnarumma? La cosa principale è chiudere questa telenovela quanto prima. Su Berardi invece…» – 19 giugno, ore 16.15

Il ct della Nazionale Italiana, Giampiero Ventura, ha parlato tra i tanti anche di Domenico Berardi, impegnato con l’Under21 agli europei: «Ha giocato con me contro il San Marino ed ha fatto tre stage, migliorando di volta in volta. Ha tantissime potenzialità, deve solo trovare consapevolezza nei propri mezzi. Si è realizzato a Sassuolo, una società di prospettiva ma non una grande piazza che lotta per la Champions. Credo che Berardi abbia bisogno di fare questa esperienza, se supera questo step penso che abbia della qualità enormi». Il Ct ha poi parlato anche di Gianluigi Buffon e del suo futuro: «Credo che Gigi farà la scelta migliore.  Se al termine del prossimo anno vedrà di essere ancora al vertice, allora può darsi che decida di continuare. Ma se dopo il Mondiale, venissero meno gli stimoli e avesse qualche problema fisico, allora farà la scelta che ritiene più opportuna. Gigi pretende molto dagli altri, ma anche da se stesso» 

Ventura consiglia: «Belotti al PSG solo se protagonista; Donnarumma ritrovi presto la serenità»

Prima spettatore attento, poi giudice importante. Giampiero Ventura ha seguito ieri dalla tribuna la partita d’esordio dell’Italia U-21 agli Europei e oggi ha dispensato alcuni consigli preziosi ai giocatori italiani più in vetrina del momento: «Belotti? Egoisticamente, più lo tengo a tenere d’occhio in Italia meglio è per me. Ma questo conta poco. Io ho avuto la fortuna che molti calciatori abbiano spiccato il volo sotto di me. Se va al PSG perché il PSG ha bisogno di Belotti e ritiene che sia il giocatore adatto, allora sì. Discorso diverso se va a integrare la rosa: dalla porta di servizio non sarai mai protagonista. Io mi auguro che faccia la scelta giusta: quello che ha fatto vedere è nulla, può fare ancora molto di più». Sull’altro gioiello del calcio nostrano, Donnarumma, ha invece detto: «Deve fare il calciatore. È un calciatore di grandissimo livello, un predestinato, raramente ho visto un giocatore così giovane e così maturo. La cosa principale è chiudere quanto prima questa telenovela e che lui torni ad avere un barlume di serenità per preparare la prossima annata».

L’ITALIA DEL FUTURO- Più in generale, è un Ventura soddisfatto dello spettacolo offertogli ieri sera dagli azzurrini vittoriosi 2-0: «Le sensazioni sono quelle di una squadra dalle grandissime potenzialità. C’era un po’ di tensione nel primo tempo, a volte la troppa voglia rallenta. Poi la partita è stata vinta meritatamente, era fondamentale e direi buona la prima. Adesso credo che il girone sia alla portata dell’Italia, come del resto tutto il torneo. Poi alla fine vince una sola, però ci sono i presupposti per fare qualcosa di buono». Secondo il commissario tecnico, che sta lavorando molto in prospettiva per cercare di aprire un nuovo ciclo nella Nazionale:«Io ho concesso tutti i giocatori che ha chiesto Di Biagio, c’era la voglia di essere competitivi e questo rientra nella normalità dei rapporti che ci sono in Federazione. Sono contento che l’Italia abbia una squadra con almeno sei giocatori che hanno già debuttato in Nazionale A. Ci sono i presupposti per crescere ancora. Sono ragazzi pieni di adrenalina, credo che ci siano le possibilità di essere all’altezza. E penso che quanto visto ieri sia solo una piccola parte di quanto farà in futuro».