Atalanta di “rapina” contro il Bologna: Curci sbaglia e Livaja ringrazia

© foto www.imagephotoagency.it

SERIE A ATALANTA BOLOGNA SINTESI – E’ terminata pochi minuti fa la sfida di Bergamo tra Atalanta e Bologna, valida per la dodicesima giornata della Serie A 2013/14. Oltre a rivivere le emozioni del match con la nostra sintesi, potete valutare i nostri giudizi sui protagonisti, dando uno sguardo alle nostre pagelle.

PRIMO TEMPO – La prima frazione di gioco regala pochissime emozioni agli spettatori: le squadre si muovono in campo con prudenza, preferendo attendere l’avversario e provando a colpirlo con le ripartenze, ma alla fine ne vien fuori un primo tempo giocato a ritmi molto bassi. Il primo squillo è di Livaja al 5’: cross di De Luca dalla destra e colpo di testa dell’attaccante croato, che non inquadra però la porta. All’8’ risponde il Bologna con il calcio di punizione di Diamanti: né Khrin né Sorensen riescono ad impattare il pallone. Subito dopo Diamanti prova un altro suggerimento: la palla è per Cristaldo, che però non taglia e alla fine si spegne di poco a lato. La risposta dell’Atalanta arriva al 16’ con un destro potente di Maxi Moralez, poco sopra la traversa. Bell’azione dei padroni di casa al 22’: prima orchestrano Migliaccio e Cigarini, poi Livaja prova il tiro, ma guadagna solo il corner, sugli sviluppi del quale lo stesso attaccante prova ad insaccare di testa, ma senza fortuna. Al 25’ ci prova dalla distanza Migliaccio con un collo destro forte ma per nulla preciso. Al 27’ l’iniziativa è di Laxalt: cross in area, ma né Cristaldo né Diamanti riescono ad arrivare in tempo sul pallone. Al 30’ bella giocata di Cristaldo, che stoppa bene e poi palleggia, costruendosi lo spazio per un tiro che però si rivela troppo debole per impensierire Consigli. La partita poi si avvia lentamente e senza azioni degne di nota verso la fine del primo tempo.

SECONDO TEMPO – La seconda frazione di gioco si apre sulla falsariga del primo tempo: la posta in palio è troppo alta per le due squadre, che non intendono scoprirsi e quindi rischiare troppo. Al 10’ Kone vede uno spiraglio e cerca il tiro, ma finisce di poco a lato. Grande occasione al 12’ per Marilungo: Sorensen sbaglia il retropassaggio, lui conquista la palla, ma anziché attendere tira subito, sprecando l’occasione davanti a Curci. Prende coraggio la squadra di casa, che comincia a spingere con insistenza. Bel cross da calcio d’angolo di Cigarini per Livaja, che di testa gira di poco alto sopra la traversa. Al 20’ Diamanti pesca in area Kone, che non riesce ad arrivare sulla palla, ma l’arbitro ha fermato l’azione per fuorigioco. Buona combinazione al 26’ di Diamanti con Cristaldo, il quale prova il tiro, ma non trova la porta. La partita si sblocca al 73’ con il gol di Brivio: tiro dalla distanza del laterale che sorprende incomprensibilmente Curci. Pioli si decide a mandare in campo Bianchi, che trova subito il gol: cross al 76’ di Diamanti per Cristaldo, che di testa colpisce la traversa, la palla arriva a Bianchi che riesce finalmente a sbloccarsi. All’82’ si ripropone in avanti l’Atalanta: cross di Cigarini, colpo di testa di Stendardo, ma Curci para il tentativo centrale. Si accende la partita: al 41’ ci prova Scaloni dalla distanza, ma il sinistro da fuori aria viene respinto. Buona scelta di Diamanti al 44’: vede Garics sul secondo palo che tira di destro al volo, ma sfiora il palo. Clamoroso errore al 48’ di Curci, che “buca” sul tiro di Livaja: tiro forte dell’attaccante ed il portiere non riesce a bloccare, regalando la vittoria ai padroni di casa.