Regalia: «Matarrese sognava l’Europa»

© foto www.imagephotoagency.it

L’ex braccio destro di Vincenzo Matarrese dopo la notizia della morte

Il calcio piange Vincenzo Matarrese: molti sono stravolti dal dolore per la scomparsa dell’ex presidente del Bari. «Una notizia terribile. Non posso dimenticare la sua vicinanza in un momento per me difficile, così come la fiducia che riponeva permettendomi di lavorare in autonomia», ha dichiarato il direttore sportivo Giorgio Perinetti, dopo il quale c’è stato spazio per Guido Angelozzi: «Gli sarò sempre grato per avermi dato la possibilità di lavorare a Bari». Commozione anche tra i calciatori: «Ho perso un secondo papà», ha dichiarato Giovanni Loseto, mentre Sandro Tovalieri ha aggiunto: «E’ stato la storia del Bari».

IL BRACCIO DESTRO – «Ero a conoscenza delle sue gravi condizioni, ma aveva una tempra di ferro quindi è stato comunque uno shock apprendere della sua scomparsa. Mi ha sempre conferito la massima fiducia. Forse non si è mai capito quanto ci tenesse al Bari. Siamo stati duramente contestati, ma era dura trattenere certi calciatori. Voleva regalare l’Europa ai baresi, ma ha ottenuto comunque risultati rispettosi», i ricordi di Carlo Regalia, per dieci anni stretto collaboratore di Vincenzo Matarrese, a La Gazzetta del Mezzogiorno.

LA REAZIONE DELLA CURVA – La notizia della morte di Vincenzo Matarrese ha scosso anche i tifosi del Bari. Il cordoglio è palpabile, ma non si dimenticano le dure contestazioni. Emergono, dunque, reazioni contrastanti. E chi non vuole rinvangare il passato sui social si concentra sull’evento drammatico.