Bisoli: «A Cesena sono esigenti»

© foto www.imagephotoagency.it

Il tecnico del Cesena si racconta

BISOLI CESENA – Quinto anno per Pierpaolo Bisoli al Cesena, il primo in Serie A. Il tecnico di Porretta Terme ha messo le radici al Manuzzi e ha portato due volte in A la squadra romagnola, solo che adesso si godrà la massima serie. Grande urlatore, sempre senza giacca e cravatta, Bisoli è anche un personaggio particolare, verace a suo modo. Oggi il mister del Cesena si è raccontato, di seguito trovate le sue parole.

PARLO IO – «La promozione è stata un miracolo, ma l’ambiente era compatto e c’era una grande unione. A Cesena però sono molto esigenti, si vive di calcio tutto il giorno e la città ha una grandissima passione verso la propria squadra, però ci si dimentica troppo in fretta del passato. La nostra forza è saper cambiare modulo a gara in corso, è una qualità che non dobbiamo disperdere. Lugaresi? Ha fatto un gran lavoro facendo quadrare tutto, anche il ds ha grande esperienza».

BISOLI CARICO – Nell’intervista rilasciata a il Corriere dello Sport ci si rende conto quindi che Bisoli non è uno che le cose le manda a diretto. Diretto e schietto, Bisoli ha fatto riferimento anche alla sua pluriennale gavetta nelle serie minori, lanciano frecciatine a qualche collega e affermando che nel campo degli allenatori la meritocrazia non esiste. Bisoli ha anche ammesso di non essere bravo a gestirsi a livello mediatico, passa per arrogante e presuntuoso quando in realtà è altro.