Bologna, Colomba: “Contentissimo per la fiducia dimostratami dalla società “

© foto www.imagephotoagency.it

L’allenatore del Bologna Franco Colomba ha parlato oggi in conferenza stampa alla vigilia della partita di domani in casa dell’Inter. Argomento principale il rinnovo di contratto con la società  della presidentesssa Menarini: “I media ne hanno parlato tanto, era una possibile soluzione e l’accordo è stato trovato in breve tempo: sono bastati un paio di incontri. Sono contentissimo della fiducia che mi ha dimostrato la società  e anche i giocatori, che con i loro risultati ottenuti sul campo mi hanno consentito di proseguire questo rapporto. Ora procediamo sul nostro cammino, con una gara sicuramente impegnativa, a Milano contro l’Inter. Guardando al futuro, so che una squadra come il Bologna deve innanzitutto confermare la categoria, poi se l’annata prende il filo giusto può diventare più brillante, mentre in caso contrario possono verificarsi anche grandi difficoltà ; lo abbiamo visto anche quest’anno: le cose mutano continuamente, il calcio non è una scienza esatta. Ma dell’allestimento della squadra futura parleremo più avanti: adesso mi interessa aver incassato la fiducia della società , guadagnata con il lavoro sul campo e i risultati ottenuti dalla squadra, per i quali ringrazio i giocatori”. Impegno difficile domani contro l’Inter: “Sulla carta, ovviamente, è una partita proibitiva. Si parla delle loro assenze, dato che hanno quattro squalificati, ma trattandosi dell’Inter mi sembra un discorso un po’ esagerato. Tra l’altro, sappiamo con quale stato d’animo scenderanno in campo, essendo tornato in discussione uno scudetto quasi vinto: incontreremo qualche inevitabile difficoltà , ma vorremo mettergli il bastone tra le ruote, non certo essere una vittima predestinata”. Gli chiedono se vorrebbe in squadra uno come Balotelli: “Sì, perchè no? Balotelli è un giocatore di qualità  ed, essendo giovane, ha tutto il tempo per capire alcune cose”. Su Mourinho afferma: Per due anni di fila è il primo in classifica, allena una grande squadra e dimostra di saperlo fare. Se ottiene questi risultati, sicuramente merita gli apprezzamenti che vengono fatti su di lui”. Colomba non potrà  contare sulle doti di Mudingayi: “Il peso fisico conta, ma abbiamo un gruppo di giocatori, ognuno con le sue caratteristiche: il peso atletico e la capacità  di essere incontrista di Mudingayi sono riconosciute da tutti, ma uno come Mingazzini ci può garantire più agilità  e gestione della palla”. Su come cercherà  di contrastare lo strapotere dei nerazzurri dice: “Disturbare chi è più bravo è sempre un obbligo. La nostra idea è dare una mano alla difesa e essere propositivi in avanti, in altre parole essere equilibrati, poi la pressione ci deve essere sicuramente, a maggior ragione contro i più bravi. Non è però facile portare via la palla a chi ha qualità : abbiamo visto come si è comportato il Cska, c’è riuscito per un’oretta, poi quando ha preso gol e provato a recuperare ha rischiato di prenderne cinque. Se riesci a non far emergere la qualità  degli avversari per novanta minuti, vuol dire che hai fatto la partita perfetta. Rispetto al Cska, che sullo 0-0 non ha proposto niente se non un paio di contropiede, noi vorremmo cercare di essere più propositivi, sapendo che San Siro non è la meta per risolvere i nostri problemi ma anche che se arrivasse qualcosa lo raccoglieremmo”, le parole riportate dal sito internet del Bologna.