Connettiti con noi

Bologna News

Bologna, Theate: «Che gioia l’esordio a San Siro. Mihajlovic un maestro»

Pubblicato

su

theate

Il difensore del Bologna Theate ha parlato dei suoi primi mesi con la maglia rossoblù

Arthur Theate, difensore del Bologna, ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport dove ha parlato dei suoi primi mesi con la maglia rossoblù contornati da due gol a Inter Lazio.

ESORDIO CON GOL – «Quel giorno in tribuna ci sono i miei genitori, anche mio nonno. Subentro debuttando in Serie A, faccio gol a San Siro contro l’Inter e la prima cosa che mi viene in mente è che fino a quindici mesi prima ero senza squadra. Lei avrebbe esultato come fosse stato tutto normale? Impossibile. Ovvio che poi quando siamo andati nello spogliatoio non gioivo: avevamo perso 6-1, sarei stato folle. Ma dopo il gol era come se la vita mi avesse baciato».

PUYOL – «Mi piaceva per la sana cattiveria. Ma l’unico mio idolo e modello è papà Jean Michel: ha giocato nella A belga col Liegi». 

BOMBER – «Sì, ma poco alla volta sono arretrato: la mia crescita fisica è stata lenta, così nelle giovanili hanno preferito far fare il bomber a uno più alto. Ho fatto anche il centrocampista, ora mi manca solo il portiere». 

VAR – «E non mi piace. Ha tolto l’immediatezza e l’intensità. L’intensità nel calcio significa tanto: e in tv non si misura. Ora a fare il difensore hai paura: dobbiamo fare tutti i… pinguini in area». 

SEGRETI – «Amo prendere tutto con entusiasmo, passione, in velocità: non a caso amo le macchine, quelle dei rally ma soprattutto da Formula 1. La testa conta il 60%. Se quando ho debuttato a San Siro sullo 0-6 non avessi avuto la testa giusta, beh, mi avreste visto come uno rassegnato. E se sei così vai a fare un altro lavoro…». 

SCELTA BOLOGNA – «La prima volta mi ha cercato nell’agosto di un anno fa. A gennaio si rifanno vivi. Quando l’estate scorsa mi contattano ancora, beh, non ho avuti dubbi e mi sono detto: loro sono per me perché nessuno – visto che avevo belle offerte sia in Italia che all’estero – mi ha cercato così». 

MIHAJLOVIC – «Lui ex centrale difensivo e mancino: chi potevo volere di più come insegnante? Vede, un altro aspetto che ho considerato è stata l’ascesa di Tomiyasu: ci scontravamo in campo, nel campionato belga. Lui è venuto qui e ora è all’Arsenal: significa che vale ma anche che è passato in un club che vale. Qui c’è progetto, rispetto, volontà di salire». 

MILAN – «Zero problemi: ho già segnato a una milanese, posso rifarlo… E alla Lazio, altra big».