Bologna, Corvino: «Giovani? Con Saputo siamo fortunati»

© foto www.imagephotoagency.it

Il ds ottimista sui programmi relativi al settore giovanile

Il Bologna, fin dall’arrivo di Roberto Donadoni, ha saputo risalire in classifica fino ad allontanarsi dalle zone più pericolose e non sono mancate piacevoli sorprese anche tra i giovani a disposizione del tecnico rossoblu. Pantaleo Corvino, direttore sportivo del Bologna, ha parlato al Resto del Carlino soffermandosi proprio sull’importanza del settore giovanile all’interno dei club, a maggior ragione quando si tratta di club di alto livello.

CONCENTRATO SUI GIOVANI – Queste le parole del ds, da sempre pronto a scommettere sui giovani: «Un grande club non può prescindere da un grande settore giovanile. Il lavoro di base rappresenta lo stato di salute di una società. E credetemi: siamo fortunati perché Saputo vuole rendere Casteldebole un centro all’avanguardia». Corvino si è poi soffermato sulla volontà di portare presto giovani in prima squadra: «L’obiettivo è quello di sfornare almeno un giocatore ogni biennio. Poi sapete come si dice: uno su mille ce la fa. Non tutti i giocatori saranno da vertice, ma una percentuale di eventuali future cessioni sarà dedicato al settore giovanile, per creare un circolo virtuoso».